Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Open Innovation

Smart Working, una rivoluzione che cambia la pelle delle aziende

I mobile workers sono in costante aumento in tutta Europa. Al tema della Workforce transformation è dedicata un'appposita tavola rotonda del Dell Technologies Forum, in programma a Milano il 15 novembre

La rivoluzione dello smart working è in pieno atto ed è destinata a prendere ulteriormente piede nei prossimi anni: lo evidenzia una recente ricerca di IDC, secondo cui in Europa Occidentale i mobile worker cresceranno con un tasso medio annuo del +3,6%, passando dai 103 milioni di individui nel 2017 a 123 milioni nel 2022. Tanto da rappresentare ben il 65% della percentuale di occupati del Vecchio Continente, nove punti percentuali in più rispetto al 2017 (56%). Al momento in Italia, i mobile worker sono invece 7 milioni (su 22 milioni di occupati), indietro quindi rispetto alla media europea, ma entro il 2022 IDC si aspetta che tocchino quota 10 milioni.

Smart Working: i cambiamenti tecnologici

Questi numeri nascondono dietro degli importanti cambiamenti a livello organizzativo: nelle aziende stanno progressivamente sparendo le postazioni individuali, mentre si stanno moltiplicando gli spazi per la collaborazione (meeting room, sale attrezzate per videoconferenza). I dispositivi e le soluzioni per la comunicazione wireless indoor e outdoor stanno inoltre diventando l’infrastruttura di base del sistema delle comunicazioni aziendali. Inoltre, accanto ai più tradizionali device mobili (smartphone, tablet e notebook ultraslim) nelle aziende stanno arrivando nuovi dispositivi – come i visori – capaci di liberare le potenzialità di realtà aumentata e virtuale. A livello tecnologico, la sempre più spinta digitalizzazione del posto di lavoro sta portando le piattaforme UCC (Unified Communication and Collaboration) a integrare processi di mobilità, collaborazione e social, nonché a sviluppare funzioni di smart building, preparandosi a diventare soluzioni integrate di business process management. Secondo IDC, quelle piattaforme di Digital Workspace che offrono la centralizzazione della gestione dello spazio di lavoro fisico e virtuale sono perciò essenziali per mantenere il controllo sugli asset aziendali, ottenere una migliore produttività e anche una più alta qualità dell’esperienza lavorativa delle persone.

Smart Working: un’opportunità per le aziende

“I tradizionali metodi di gestione, protezione e supporto di forze lavoro, app e dati non sempre soddisfano le esigenze aziendali. Per cogliere nuove opportunità e far fronte a nuove sfide, le aziende di ogni settore stanno esplorando nuove soluzioni che consentano loro di migliorare la produttività, l’efficienza dal punto di vista dei costi e l’agilità dell’organizzazione – commenta Luca Zerminiani, Director System Engineering Italy di VMware Italia -. L’implementazione di una soluzione di Digital Workspace può aiutare l’IT a sfruttare le opportunità offerte dai rapidi cambiamenti introdotti dalla consumerizzazione e a soddisfare le esigenze di un’ampia gamma di utenti e casi d’uso all’interno dell’azienda”.

WHITEPAPER
Data warehouse nel cloud. Come affrontare con successo il percorso di modernizzazione?
Big Data
Cloud

 

Delle conseguenze della workforce transformation si parlerà in occasione di un’apposita sessione del Dell Technologies Forum, in programma a Milano il prossimo 15 novembre. L’appuntamento con la tavola rotonda, in cui è prevista un intervento di Emanuele Madini di P4I, è in programma alle 14.15. Per iscrizioni e visualizzare l’agenda completa del Dell Technologies Forum occorre andare su questa pagina.

A questo link è invece possibile iscriversi direttamente all’appuntamento sulla workforce transformation.

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo