Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Cloud

Microsoft Build, fari puntati suIl’IoT Edge e sui Droni

Alla conferenza annuale per gli sviluppatori, Microsoft illustra le innovazioni che metteranno gli sviluppatori nella condizione di dare vita a nuove esperienze abilitate dall’intelligenza artificiale. Satya Nadella: “Siamo nell’era dell’intelligent cloud e dell’intelligent edge”

Nuovi strumenti all’avanguardia a disposizione degli sviluppatori per progettare nuove esperienze abilitate dall’intelligenza artificiale, multi device e multi sensoriali, con un’attenzione particolare, in questa edizione, all’Edge IoT e ai droni, che si potranno dimostrare sempre più utili nel campo dell’agrifood e dell’edilizia. Sono i temi principali dell’edizione 2018 di Microsoft Build, la conferenza annuale dedicata agli sviluppatori della casa di Redmond, che per  l’occasione ha lanciato il nuovo programma quinquennale da 25 milioni di dollari “AI for accessibility”, destinato a valorizzare le possibilità offerte dall’AI per ampliare le capacità umane di oltre un miliardo di soggetti diversamente abili in tutto il mondo.

“Siamo nell’era dell’intelligent cloud e dell’intelligent edge – ha detto nel suo intervento il Ceo Satya Nadella – Queste innovazioni offrono opportunità incredibili agli sviluppatori e comportano la responsabilità di assicurare che la tecnologia che creiamo sia affidabile e a beneficio di tutti”.

Intelligent edge ed intelligent cloud sono strettamente legati al mondo dell’Internet of things, con nuove opportunità per i consumatori, le aziende e interi settori verticali. Tre le nuove funzionalità presentate da Microsoft per l’occasione ci sono l’apertura di Azure IoT Edge Runtime in modalità open source, che consentirà consentendo agli utenti di modificare, effettuare il debug e avere maggiore trasparenza e controllo sulle applicazioni edge, e Custom Vision, che girerà su Azure IoT Edge, consentendo a dispositivi quali droni e attrezzature industriali di reagire in modo efficace e veloce, senza bisogno di connettività cloud. “Si tratta – spiega Microsoft in una nota – del primo Azure Cognitive Service a supportare lo sviluppo dell’edge e nei prossimi mesi se ne aggiungeranno altri a d Azure IoT Edge.

La partnership tra Microsoft e Dji sui droni

Quanto ai droni, Microsoft ha annunciato nell’occasione la propria partnership con Dji, il più grande produttore di droni al mondo, che porterà alla creazione di un nuovo Sdk per i PC Windows 10. Dji ha inoltre selezionato Azure come cloud privilegiato per spingere le proprie soluzioni commerciali per droni e SaaS. “Sdk – spiega la casa di Redmond – offrirà funzionalità di controllo completo durante il volo e di trasferimento dati in tempo reale a oltre 700 milioni di dispositivi Windows 10 connessi in tutto il mondo. Sul versante commerciale inoltre Dji e Microsoft svilupperanno soluzioni congiunte basate su Azure Iot Edge e sui servizi AI di Microsoft al fine di aprire nuovi scenari in settori quali l’agricoltura, l’edilizia, la sicurezza pubblica.

Con Qualcomm il kit di visione per l’AI

Tra le novità annunciate durante Microsoft Build anche la partnership con Qualcomm Technologies per realizzare di un kit di visione per sviluppatori di AI che gira su Azure IoT Edge: gli sviluppatori avranno così a disposizione un nuovo kit, comprensivo di hardware e software,  per dare vita a soluzioni IoT basate su telecamera.

Nel campo dell’analisi dei sati e dell’intelligenza artificiale Microsoft ha inoltre presentato il pacchetto di sensori “Project Kinect for Azure”, lo “Speech Devices SDK” per l’eborazione audio del riconoscimento vocale, gli aggiornamenti del servizio di database di Azure Cosmos DB, l’anteprima di Project Brainwave, architettura realizzata per l’elaborazione della rete neurale profonda, e il servizio vocale unificato di Azure Cognitive Service. Nuovi aggiornamenti anche per il Bot Framework e dei servizi cognitivi per la prossima generazione di bot, integrati anche nella preview di Azure Search.

Nella cornice delle sperienze nulti sensoriali e multi device, che abilitano soluzioni di realtà mista, oltre a Project Kinect for Azure la casa di Redmond ha presentato anche Microsoft Remote Assist (videoconferenze in vivavoce e in sovraimpressione, condividendo immagini e annotazioni di realtà mista) e Microsoft Layout per progettare spazi in contesti di realtà mista.

Per i partner inizia l’era dell’Intelligent Edge su Azure

Infine la società ha messo a disposizione degli sviluppatori le soluzioni per inaugurare la nuova era dell’intelligent edge su Azure, Office 365 e altre piattaforme, utilizzando la lingua e i modelli a loro più congeniali. Si tratta di Azure Kubernetes Service (Aks), per creare e far girare soluzioni container-based, senza dover necessariamente avere una profonda conoscenza di Kubernetes; Visual Studio IntelliCode, che fornisce suggerimenti intelligenti per migliorare la qualità dei codici e la produttività, la preview di Visual Studio Live Share, che consente agli sviluppatori di collaborare in modo semplice e sicuro, nonché in tempo reale, con i membri del team. Annunciata anche una partnership con GitHub, che consentirà di offrire ai clienti GitHub la potenza dei servizi Azure DevOps. La società ha infine annunciato la disponibilità del nuovo Microsoft Azure Blockchain Workbench, che faciliterà lo sviluppo di applicazioni blockchain combinando una rete blockchain supportata da Azure e servizi cloud quali Azure Active Directory, Key Vault e SQL Database, riducendo drasticamente il tempo di sviluppo proof-of-concept.

CATEGORIE:

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 giugno 2017