Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Esperti e analisti

L’IoT cresce, ma meno del previsto. I risultati del Rapporto McKinsey

Rispetto al precedente studio del 2015, il mercato è cresciuto molto, ma non così velocemente come ci si aspettava. Il settore ha dovuto affrontare i venti contrari rappresentati da gestione del cambiamento, costi, talenti e sicurezza informatica, in particolare nelle imprese.

Nel mese di novembre 2021, McKinsey & Co. ha pubblicato un voluminoso report dal titolo “The Internet of Things Catching up to an accelerating opportunity”. Ne abbiamo estratto i punti salienti che tracciano un profilo molto interessante di quale sarà il futuro dell’IoT.

Nel 2015, il McKinsey Global Institute ha pubblicato un rapporto di ricerca intitolato The Internet of Things: Mapping the value beyond the hype. Il report ha analizzato il potenziale economico che l’IoT potrebbe liberare attraverso la considerazione di centinaia di casi d’uso nelle impostazioni fisiche in cui potrebbero essere implementati. Sei anni dopo, in un nuovo rapporto, The Internet of Things: Catching up to an accelerating opportunity, l’analisi è stata aggiornata per stimare quanto di quel valore è stato raccolto, come il valore potenziale dell’IoT potrebbe evolversi nel prossimo decennio e i fattori che spiegano entrambi.

Il mercato è cresciuto considerevolmente negli anni successivi al 2015, ma non così velocemente come ci si aspettava. L’IoT ha affrontato venti contrari legati alla gestione del cambiamento, ai costi, ai talenti e alla sicurezza informatica, in particolare nelle imprese.

Ecco cosa emerge dall’ultima ricerca McKinsey.

Un potenziale valore economico in crescita

Il potenziale valore economico che l’IoT potrebbe sbloccare è grande e in crescita. Entro il 2030, McKinsey stima che potrebbe raggiungere dai 5,5 trilioni ai 12,6 trilioni di dollari di valore a livello globale.

WHITEPAPER
SPEECH ANALYTICS, SENTIMENT ANALYSIS e AI per aumentare l’efficacia del Contact Center
Cloud
Intelligenza Artificiale

Il potenziale di valore economico dell’IoT è concentrato in determinate impostazioni (tipi di ambienti fisici in cui viene implementato). L’ambiente della fabbrica (che include ambienti di produzione standardizzati nel settore manifatturiero, ospedaliero e in altre aree) rappresenterà la maggior quantità di valore economico potenziale dall’IoT, circa il 26%, nel 2030. L’ambiente della salute umana è secondo, rappresentando circa il 10-14% del valore economico stimato dell’IoT nel 2030.

Le applicazioni B2B sono quelle in cui può essere creata la maggior parte del valore IoT, con circa il 65% del potenziale di valore IoT stimato entro il 2030. Ma il valore delle applicazioni B2C sta crescendo rapidamente, stimolato dall’adozione più rapida del previsto di soluzioni IoT domestiche.

Il potenziale di valore economico dell’IoT 2030 del mondo sviluppato rappresenterà il 55% del totale globale, in diminuzione dal 61% nel 2020. La Cina sta diventando una potenza IoT globale, non solo come hub di produzione e fornitore di tecnologia, ma anche come mercato finale per la creazione di valore.

In che modo la pandemia di COVID-19 ha influenzato il mercato IoT

Mentre il potenziale valore economico dell’IoT è considerevole, coglierlo si è rivelato impegnativo, in particolare nell’ambiente B2B. Molte aziende hanno faticato a passare dai progetti pilota per acquisire valore su larga scala con successo. McKinsey stima che il valore totale entro il 2020 (1,6 trilioni di dollari), sebbene considerevole, sia nella fascia inferiore della gamma degli scenari mappati nel 2015.

La ricerca è iniziata nel 2020, prima che la diffusione del virus SARS-CoV-2 portasse a una pandemia globale nel primo trimestre di quell’anno. La crisi COVID-19 rappresenta una minaccia sia per le vite che per i mezzi di sussistenza, ma funge anche da forza che modella il mercato. Tale impatto ha agito da catalizzatore per l’implementazione di soluzioni IoT in aree specifiche, mentre il mondo è alle prese con la gestione della pandemia e consente un ritorno più rapido e sicuro.

Outlook per IoT nell’industria

L’IoT è in prima linea nella capacità di riunire il mondo digitale e quello fisico in un modo che potrebbe avere profonde implicazioni sia per la società che per l’economia. I benefici potrebbero essere sotto forma di miglioramento delle operazioni, gestione delle risorse fisiche e salute e benessere, ad esempio. In questo contesto, l’IoT può essere il cuore pulsante delle trasformazioni digitali.

L’ambiente è la chiave di lettura principale in cui è stato disaggregato il potenziale valore economico dell’IoT. L’industria, l’ambiente con il più grande valore economico potenziale nel 2030, potrebbe generare da 1,4 trilioni di dollari a 3,3 trilioni di dollari entro il 2030, il 26% del totale.

Sulla base della ricerca, il più grande potenziale per la creazione di valore in fabbrica sarà l’ottimizzazione delle operazioni nella produzione, rendendo più efficiente la gestione quotidiana delle risorse e delle persone. Nel complesso, le applicazioni di gestione delle operazioni nel settore manifatturiero potrebbero rappresentare circa il 32-39% del valore economico IoT potenziale totale creato in fabbrica, da circa 0,5 trilioni a 1,3 trilioni di dollari entro il 2030.

Le prospettive per l’IoT 

Salute e benessere

Nel contesto della salute, il secondo più grande valore IoT coinvolge le applicazioni che vengono distribuite e influenzano il corpo umano. Il report stima che l’impatto economico dell’IoT in questo comparto potrebbe raggiungere circa il 14% del totale, tra 0,5 trilioni e 1,8 trilioni di dollari, entro il 2030.

Negli ultimi cinque anni, il valore percepito delle soluzioni IoT nel settore sanitario è aumentato. Dai monitor glicemici e cardiaci collegati per i pazienti con malattie croniche alle soluzioni del mercato di massa che monitorano l’attività fisica, la consapevolezza dei consumatori è cresciuta in modo significativo. Le soluzioni IoT non vengono utilizzate solo dai singoli clienti, ma vengono anche fornite per migliorare la salute dei pazienti. La pandemia da COVID-19 ha potenzialmente accelerato l’uso delle soluzioni IoT nel settore sanitario, mentre il mondo lotta sia con il contenimento del virus che con un ritorno sicuro sul posto di lavoro.

Un altro modo per disaggregare il potenziale valore economico è il cluster di casi d’uso. Questa visione consente di osservare gli effetti di casi d’uso che sono simili in natura ma sorgono in contesti diversi.

Utilizzando questo approccio, la ricerca indica che i cluster di ottimizzazione delle operazioni e produttività umana potrebbero comprendere circa il 56% del valore economico dell’IoT nel 2030; la salute e la manutenzione sono stimate rispettivamente intorno al 15 e al 12 percento.

Video

Automotive

In termini relativi, i veicoli a guida autonoma (che includono l’automazione parziale, o l’autonomia di secondo livello, e oltre) costituiscono il cluster di valore IoT in più rapida crescita. Il CAGR previsto tra il 2020 e il 2030 è del 37% (a 0,3 trilioni di dollari nel 2030, da 0,01 trilioni di dollari nel 2020) nello scenario di fascia alta. Il costante aumento dell’uso dei sensori in tutti i veicoli è destinato a continuare, poiché i consumatori richiedono maggiore sicurezza e affidabilità. In effetti, durante la prima metà del prossimo decennio si prevede che l’aumento delle funzionalità di sicurezza rappresenterà gran parte del valore aggiunto dell’IoT.

Si stima che il cluster di casi d’uso di sicurezza e protezione nell’ambiente automotive contribuirà da circa 130 miliardi di dollari a 140 miliardi di dollari al valore potenziale dell’IoT entro il 2030. Entro la fine del 2020 è probabile che il 20% dei veicoli a livello globale sia già stato dotato di sistemi di sicurezza (ad esempio, prevenzione delle collisioni in avanti, assistenza all’angolo cieco e cruise control adattivo), riducendo potenzialmente il numero di incidenti e il valore delle polizze di assicurazione auto.

Domotica

La ricerca McKinsey del 2015 stimava che le soluzioni B2B avrebbero rappresentato circa il 70% del potenziale totale di creazione di valore dell’IoT. Cinque anni dopo, le soluzioni B2B rimangono la maggior parte del valore economico delle soluzioni IoT. Ma il valore delle applicazioni B2C è accelerato a seguito dell’adozione più rapida del previsto di soluzioni IoT all’interno della casa (ad esempio, la domotica).

Come risultato di queste dinamiche, le applicazioni B2B dovrebbero rappresentare dal 62 al 65% del valore IoT totale nel 2030. In termini economici, questo si traduce in circa 3,4 trilioni di dollari nello scenario di fascia bassa e circa 8,1 trilioni di dollari nello scenario di fascia alta.

Mercato IoT, la ripartizione geografica

Mentre si prevede che il mondo sviluppato rappresenterà circa il 55% del valore economico stimato dell’IoT nel 2030, la vera storia di crescita, da una prospettiva geografica, la fa la Cina, diventata una potenza globale nell’IoT. La Cina potrebbe essere responsabile di circa il 26% del valore economico stimato dell’IoT a livello globale entro il 2030, leggermente al di sopra della sua quota prevista del 20% dell’economia globale e superiore al valore economico stimato dell’IoT da tutti i mercati emergenti, il 19% del totale.

McKinsey stima che la quota della Cina nel valore economico dell’IoT dell’industria potrebbe essere superiore a quella dei mercati sviluppati o emergenti entro il 2030. Oggi si stima che la Cina abbia una quota significativa della base installata di dispositivi IoT di circa il 32%, il triplo della quota stimata dei mercati emergenti.

IoT: punti a favore e punti contrari

Mentre il potenziale valore economico dell’IoT è ampio e in crescita, cogliere questo valore si è rivelato impegnativo. L’ultima ricerca McKinsey mostra che il valore totale raccolto nel 2020 (1,6 trilioni di dollari) è all’estremità inferiore della gamma degli scenari mappati nel 2015. McKinsey ha aggiornato le sue stime per il 2025 e oltre, adeguandosi alle condizioni attuali, e ha sviluppato scenari che tengono conto della gamma di varie incertezze. Nel complesso, sia gli scenari di fascia bassa che quelli di fascia alta sono inferiori alle stime originali del 2015: circa 2,8 trilioni di dollari a 6,3 trilioni di dollari di potenziale valore economico IoT nel 2025, rispetto a circa 3,9 trilioni di dollari a 11,1 trilioni di dollari dal report del 2015.

Le revisioni riflettono un mondo che è cambiato in modo significativo dal 2015. Ci sono stati cambiamenti sostanziali sia nella traiettoria dell’adozione dell’IoT che nell’impatto realizzato dell’IoT. Inoltre, anche i fattori di scala, come la crescita del PIL e i prezzi del petrolio (che sono esogeni all’IoT), sono variati.

Vediamo quali sono i principali fattori che influenzano la crescita futura del mercato IoT in generale.

Punti a favore

Tre fattori principali stanno stimolando un’accelerazione materiale nell’adozione e nell’impatto delle soluzioni IoT oggi:

  • Proposta di valore percepita

I clienti vedono un valore reale nell’implementazione dell’IoT, un significativo passo avanti rispetto ai risultati del 2015. L’IoT è un fattore abilitante fondamentale delle trasformazioni digitali e delle iniziative di sostenibilità in corso nelle aziende e nelle istituzioni pubbliche di tutto il mondo. Gli 1,6 trilioni di dollari di valore economico generato dalle soluzioni IoT nel 2020 esemplificano la capacità della tecnologia di fornire valore su larga scala.

  • Tecnologia

Gli ultimi cinque anni hanno visto notevoli progressi nella tecnologia. Per la stragrande maggioranza dei casi d’uso IoT esiste una tecnologia conveniente che consente l’implementazione su larga scala. I sensori ora coprono l’intero spettro, da quello visivo a quello acustico; l’informatica è più che sufficiente; lo stoccaggio è onnipresente; la potenza delle batterie è migliorata. I progressi nell’hardware sono stati accompagnati da sviluppi significativi nell’analisi avanzata, nell’intelligenza artificiale e nell’apprendimento automatico che consentono approfondimenti più rapidi e granulari e un processo decisionale automatizzato dai dati forniti dai sensori.

  • Reti

Le reti fungono da spina dorsale che danno vita all’IoT e rendono possibile il tutto. Le reti di quarta generazione (4G) delle società di telecomunicazioni si sono diffuse per coprire più persone a prestazioni più elevate e le reti 5G vengono rapidamente implementate. Abbinati a miglioramenti in altri protocolli di rete, i clienti dispongono di un’ampia gamma di opzioni di connettività in grado di soddisfare le loro esigenze, siano esse associate a capacità, velocità, latenza o affidabilità.

Punti contrari

Le notizie non sono tutte favorevoli per l’adozione su larga scala e l’impatto delle soluzioni IoT. Cinque fattori stanno agendo per smorzare entrambe le aree nel complesso (di nuovo, con alcune variazioni tra comparti specifici):

  • Gestione delle modifiche

Le aziende e i governi spesso trattano l’IoT come un progetto tecnologico anziché una trasformazione del modello operativo. In quanto tali, possono essere guidati dall’IT indipendentemente dai cambiamenti richiesti nei processi di governance, nei talenti e nella gestione delle prestazioni. Raccogliere valore su larga scala dall’IoT richiede la collaborazione di attori interfunzionali per cambiare il comportamento, i sistemi e i processi delle persone, oltre a introdurre una forte gestione delle prestazioni.

  • Interoperabilità

I sistemi operativi onnipresenti per l’IoT sono ancora lontani. Piuttosto, il panorama IoT contiene numerosi ecosistemi proprietari “walled garden”. Molte aziende ed enti pubblici stanno lottando per arrivare alla scala senza un significativo lavoro IT per superare le numerose barriere di sistema.

  • Installazione

Se si chiede ai consumatori, ai clienti aziendali o ai governi, molti citeranno l’installazione come uno dei maggiori problemi di costo nell’implementazione di soluzioni IoT su larga scala. Le sfide dell’interoperabilità significano che quasi ogni distribuzione su larga scala richiede personalizzazione, se non una soluzione interamente su misura. La complessità di attività apparentemente semplici, come ottenere una connettività sicura, il retrofit di vecchi dispositivi e il collegamento a sistemi esistenti, aggiunge difficoltà, tempo e costi, il che scoraggia l’implementazione su larga scala.

  • Sicurezza informatica

I consumatori, i clienti aziendali e i governi sono sempre più preoccupati per la sicurezza informatica IoT, poiché il crescente numero di end point connessi offre punti vulnerabili da sfruttare per gli hacker. Affrontare questa sfida richiede che la sicurezza sia integrata da zero, attraverso ogni livello dello stack.

  • Privacy

Con l’adozione del California Consumer Privacy Act e del Regolamento generale sulla protezione dei dati dell’Unione Europea (GDPR), la privacy in primo piano per i consumatori. Le aziende sono alle prese con ciò a cui i clienti sono disposti a rinunciare in cambio di prezzi più bassi o offerte speciali in un ambiente di vendita al dettaglio.

Conclusioni

Il mercato IoT sta crescendo rapidamente. La crescita può essere più lenta del previsto, ma non è per mancanza di fiducia o convinzione nell’impatto che la tecnologia può avere. Piuttosto, scopriamo che i fattori operativi stanno frenando il mercato. Ci sono sfumature a livello di ambiente e di cluster di casi d’uso. Questo è vero non solo nella crescita, ma anche nei punti favorevoli e nei punti contrari. Affinché l’IoT realizzi il suo potenziale, le aziende e i loro clienti devono affrontare i punti contrari.

 

Estratto da “The Internet of Things Catching up to an accelerating opportunity” – autori: Michael Chui, Mark Collins, Mark Patel

WHITEPAPER
Ecco come sfruttare al massimo i moduli del tuo ERP
ERP
Software
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo