Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Sicurezza IOT

Citrix Analytics: machine learning e AI a servizio della prevenzione (dai cyber attacchi)

Per Citrix analisi comportamentale, auto-apprendimento e intelligenza artificiale consentono di estendere le funzionalità di sicurezza di Citrix NetScaler MAS per prevenire i rischi cyber.

«Le strategie legate alla mobilità personale dei dipendenti sono al centro della business transformation di molte aziende, ma questo non può avvenire a scapito della sicurezza», tiene a sottolineare Tim Minahan, Senior Vice President e Chief Marketing Officer (CMO) di Citrix. In occasione del recente Synergy 2017, l’evento annuale che raccoglie i partner e i clienti di Citrix, il manager ha presentato Citrix Analytics, una nuova soluzione che combina tecnologie di analisi comportamentale, auto-apprendimento e intelligenza artificiale per estendere le funzionalità di sicurezza di Citrix NetScaler MAS (Management and Analytics System) arricchendole con automatismi di prevenzione dei rischi cyber.
Grazie a potenti algoritmi di machine learning e alle funzionalità AI, il software (disponibile anche sotto forma di servizio SaaS) scansiona i dati che si generano all’interno delle soluzioni proprietarie – XenApp, XenDesktop, XenMobile, ShareFile, NetScale… – alla ricerca di anomalie che possano far presagire un attacco cyber.
Il sistema è in grado di tenere traccia di tutti i comportamenti dell’utente e, sfruttando sofisticati algoritmi di machine learning, distingue in autonomia quelli riconducibili alla normale attività produttiva del singolo lavoratore rispetto a quelli che, invece, possono spianare la strada a un attacco.

Una volta che l’attività rischiosa è stata identificata, Citrix Analytics mette in atto autonomamente una serie di interventi utili a mitigare il rischio, abilitando per esempio un’autenticazione a più fattori oppure registrando la sessione utente incriminata, fino ad arrivare a bloccare l’app sospetta o a mettere in quarantena l’utente per espletare ulteriori controlli.

Proprio la sicurezza è una delle aree sulle quali Citrix sta investendo in modo massiccio: nel corso del keynote, il CEO ha anche anticipato la creazione di una team internazionale “security practice”, che opererà all’interno della business unit dedicata alla consulenza erogando servizi di assessment delle reti aziendali e sostegno alle strategie di gestione di un perimetro aziendale allargato, virtuale e software-defined.

Per approfondire le tematiche legate a Industria 4.0 e conoscere l’approccio di Citrix ai temi della collaborazione, della sicurezza e dell’integrità delle informazioni, scarica il whitepaper

Open Innovation
Il colosso internazionale dell’agrifood da un decennio sperimenta i benefici dell’innovazione open e condivisa e i suoi manager sono convinti di...
29 novembre 2016