Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Open Innovation

IBM: con lo storage All-Flash una risposta ai bisogni dei dati dell'IoT

IBM prepara nuovi sistemi storage All-Flash in grado di rispondere ai bisogni della data driven economy: i dati sono sempre vivi, attivi, veloci, devono essere aggregati e questa aggregazione deve essere a sua volta veloce, per favorire i processi decisionali

“In un momento in cui i dati crescono in modo esponenziale, sia quelli provenienti da fonti che possiamo definire tradizionali, sia da fonti più nuove o recenti, come i video, o l’IoT, con i suoi data feed automatici, serve una nuova infrastruttura che ne garantisca la corretta gestione”. Così Eric Herzog, vice president IBM Storage Systems, inquadra il nuovo scenario che porta IBM a giocare un ruolo di spicco nella cosiddetta data driven economy.

Nell’era del dato, quale è quella nella quale ci muoviamo oggi, gli approcci tradizionali non bastano più, servono dunque soluzioni nuove e diverse.
Abbiamo superato l’idea di data lake: i dati sono oceani, da navigare in tutte le direzioni e in tutte le dimensioni, spiega ancora Herzog e il datawarehousing non è più adeguato ai nuovi bisogni.
“Non ci può più essere un approccio passivo al dato, come accadeva con il datawarehousing. Ora, con le applicazioni di intelligenza artificiale, con il cognitive computing, con l’IoT, i dati sono sempre vivi, attivi, veloci. I dati devono essere aggregati e questa aggregazione deve essere veloce, per favorire i processi decisionali. Ed è qui che l’infrastruttura diventa fondamentale perché non vi è nulla di passivo”.

La digital transformation è data driven

Non si tratta di una mera questione tecnologica: per IBM la corretta gestione del dato consenta alle imprese di guadagnare competitività, è un elemento cruciale nei percorsi di digital transformation.

Il dato dunque è prioritario e tutto quanto fa innovazione oggi, dal cognitive computing al machine learning, fino ad arrivare alle reti neurali, ha bisogno di uno storage moderno, open, in grado di gestire dati multipiattaforma, in grado di garantire una governance unificata e di rispondere a cinque bisogni chiave: Efficienza, sicurezza, controllo, velocità e agilità.

Servono soluzioni di facile gestione, caratterizzate da elevati livelli di automatizzazione e in grado di interfacciarsi sia con i tradizionali ambienti virtualizzati, in cloud pubblici privati o ibridi, sia con tecnologie container, Docker in primis.
Per IBM la risposta sta nei nuovi sistemi FlashSystem ad alta densità, accompagnati dal nuovo software Spectrum Virtualize, che garantiscono data reduction, hardware compression, bassissima latenza in ambienti sicuri e protetti. Sono offerti in una logica as a service, dunque in modalità pay as you go, così da portare miglioramenti anche in termini di economics, in una logica di Opex.

 

Il servizio integrale sui nuovi annuncia All-Flash di IBM e sull’approccio alla nuova era del dato può essere letto qui. 

Open Innovation
Il colosso internazionale dell’agrifood da un decennio sperimenta i benefici dell’innovazione open e condivisa e i suoi manager sono convinti di...
29 novembre 2016