Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Mobile Wearable

Mercato smartphone, altro trimestre record

Tra aprile e giugno 2013 consegnati 230 milioni di pezzi, con una crescita annua del 50%. Le performance di Samsung, Apple, LG, Huawei, ZTE, Lenovo, Nokia e BlackBerry nell’analisi di Juniper Research

Il mercato degli Smartphone continua a mostrare segni di buona salute, nell’attesa dell’imminente contributo del nuovo segmento dei prodotti Smart Wearable, i dispositivi ‘intelligenti’ indossabili (al polso o come occhiali) su cui stanno lavorando tutti i big del settore, a cominciare da Apple, Google e Samsung.

Questo il responso di Juniper Research per il secondo trimestre 2013 (aprile-giugno), in cui secondo la società di ricerca sono stati consegnati nel mondo 230 milioni di smartphone, con un aumento di circa il 50% rispetto allo stesso periodo del 2012, e del 13% rispetto al primo trimestre di quest’anno.

Per quanto riguarda i fornitori, ampiamente confermate le prime due posizioni, con Samsung leader di mercato con una quota di circa il 31%, corrispondente a 72 milioni di dispositivi consegnati, e Apple al secondo posto con il 14% di quota (31 milioni di iPhone consegnati).

 

Samsung al 31% di quota, Apple al 14%

Approfondendo questi numeri, Juniper sottolinea per il colosso sud-coreano un altro record in termini di numero di consegne, grazie però ai prodotti di fascia media e bassa, visto che la stessa Samsung ha ammesso un calo negli smartphone di fascia alta. Il nuovo Galaxy S4 in particolare avrebbe venduto 20 milioni di esemplari dal lancio dello scorso aprile, ma secondo la società di ricerca le consegne sono decollate a partire da luglio, con effetti che dovrebbero quindi evidenziarsi nei dati del terzo trimestre 2013.

Quanto ad Apple, le consegne di iPhone sono cresciute del 20% rispetto a un anno fa, ma sono calate del 17% rispetto ai primi tre mesi dell’anno, riducendo la quota di mercato dal 18% al 14%. Inoltre il produttore di Cupertino ha registrato anche il secondo trimestre consecutivo di flessione dei profitti.

 

L’attesa per gli Smart Wearable

Questi segnali, commenta Juniper, indicano che Apple non ha bisogno solo di un modello low-price (da settimane si vocifera dell’imminente lancio di un iPhone ‘5c’ con guscio in plastica) che può far esplodere le vendite nei mercati emergenti, ma anche di un prodotto ‘game changing’, che la aiuti a mantenere la leadeship dell’innovazione tecnologica.

“Crediamo che Apple – spiega Juniper – entrerà presto nel segmento Smart Wearable, e che sia uno dei player meglio posizionati per capitalizzare la convergenza dei segmenti mobile e wearable: il prodotto che presenteranno sarà il ‘game changer’”. In effetti le indiscrezioni parlano del lancio entro l’anno di un ‘orologio intelligente’ di Apple (il cosiddetto ‘iWatch’), ma secondo alcuni media anche Samsung starebbe lavorando a un oggetto simile che potrebbe venire presentato addirittura entro poche settimane.

 

La lotta per il terzo posto

Alle spalle dei due leader continua la guerra per il terzo posto. Ottime le performance di LG, per la quale il secondo trimestre 2013 è stato il migliore di sempre nel mercato smartphone, con 12 milioni di unità consegnate e una crescita annua addirittura del 112%, e dei player Huawei, ZTE e Lenovo, tutti oltre i 10 milioni di device consegnati grazie alla forte domanda soprattutto nelle face media e bassa sul mercato interno (la Cina).

Quanto a Nokia, le consegne ammontano a 11,7 milioni di unità, di cui 7,4 milioni di Lumia (i modelli con sistema operativo Windows Phone), in crescita di oltre il 30% rispetto al trimestre precedente. Per BlackBerry, infine, Juniper stima circa 6,9 milioni di pezzi consegnati nel secondo trimestre 2013, di cui 2,8 milioni basati sul nuovo sistema operativo BlackBerry 10.

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo