Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Cloud

Fog computing: ecco l’evoluzione del cloud pensata per l’Internet of Things

Al dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa i ricercatori hanno studiato il paradigma del fog computing e sviluppato due prototipi software utili per migliorare le prestazioni degli ambienti IoT

Si chiama fog computing ed è un nuovo paradigma tecnologico che promette di essere un’evoluzione del cloud utile soprattutto per il mondo dell’Internet of Things. Se oggi la “nuvola” è l’ambiente più usato per gestire le applicazioni a distanza, la “nebbia” offre il vantaggio di supportare meglio le nuove applicazioni informatiche nel nostro mondo connesso, come autoveicoli a guida autonoma, sistemi di monitoraggio remoto dei pazienti, droni per le consegne a domicilio, illuminazione adattiva di strade e abitazioni. Tutto ciò sfruttando un’infrastruttura di calcolo pervasiva che si compone di elaboratori ad hoc, router e dispositivi personali come gli smartphone. Questo approccio permette di diminuire il consumo di banda negli ambienti IoT, sfruttando una struttura distribuita del tutto simile a quella utilizzata nelle comunicazioni P2P (Peer-to-Peer). La “nebbia” può essere vista come una rete parallela a quella pubblica, che permette agli utenti (e ai loro dispositivi) di accedere a risorse e potenza di calcolo anche senza passare attraverso una connessione Internet.

Al dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa, con il progetto “Through the Fog” coordinato dal professor Antonio Brogi, i ricercatori hanno studiato e approfondito questo paradigma emergente arrivando a sviluppare due prototipi software che contribuiscono direttamente all’avanzamento dello stato dell’arte per quanto riguarda il fog. Il primo si chiama “FogTorchPi”, ed è uno strumento in grado di stimare con tecniche probabilistiche l’affidabilità e il consumo di risorse di un’applicazione installata su un sistema fog. L’altro è “IoX”, un sistema multi-piattaforma di scambio di messaggi che consente ai dispositivi fog di interagire con sensori e attuatori connessi in ottica Internet of Things.

Da sn: Stefano Forti (dottorando), Ahmad Ibrahim (post-doc), il Prof. Antonio Brogi (coordinatore), Davide Neri (dottorando)

«“Through the Fog” è un progetto di ricerca di base, iniziato a novembre 2015 e interamente finanziato dall’ateneo pisano al fine di promuovere la collaborazione tra gruppi di ricerca all’interno del dipartimento di Informatica per studiare e approfondire il paradigma emergente del fog computing – ha spiegato Antonio Brogi, professore ordinario presso il Dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa –. Con oltre 50 pubblicazioni scientifiche all’attivo, i due prototipi open source e la partecipazione al consorzio di standardizzazione OpenFog, il nostro progetto ha raggiunto con successo il suo scopo».

«Con progetti come questo, il dipartimento di Informatica continua a essere una realtà all’avanguardia nel nostro ateneo, pronta a collaborare e fare ricerca su temi applicativi emergenti che miglioreranno la qualità della nostra vita già dal prossimo futuro», ha commentato il professor Gian-Luigi Ferrari, direttore del dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa.

 

28 Febbraio 2017

WHITEPAPER
La guida per pianificare un Data Journey efficace
Big Data
Business Analytics

 

Cloud, boom di dati nel 2020: video, Sdn e IoT i driver

IoT, si aprono con Cisco le nuove frontiere dei droni-sensori

Industria 4.0, parola d’ordine cybersecurity: con Filierasicura in campo Cini, Cisco e Leonardo

 

Immagini fornite da Shutterstock

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo