Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Cloud

Connessione, Collaborazione, Sicurezza, i tre asset per la digital transformation delle PMI per Cisco

Anche per le piccole e medie imprese è arrivato il momento di spingere l’acceleratore sulla digital transformation, indispensabile per mantenere o per guadagnare vantaggio competitivo e non uscire da un mercato sempre più veloce e “demanding”. La visione di Cisco

Che la situazione meriti di essere presa in considerazione – e anche in tempi rapidi – era cosa già emersa la scorsa primavera, in occasione della presentazione di una ricerca promossa da Cisco in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Enel e Talent Garden (di cui abbiamo scritto in questo articolo).

Anche per le piccole e medie imprese è arrivato il momento di spingere l’acceleratore sulla digital transformation, indispensabile per mantenere o per guadagnare vantaggio competitivo e non uscire da un mercato sempre più veloce e “demanding”.

“Il divario digitale tra le nostre imprese e quelle europee è ancora notevole”, aveva sottolineato Alessandro Rimassa, co-founder e Ceo di Innovation School a commento della ricerca, evidenziando come questo divario rappresenti un problema per l’intero Sistema-Paese, dal momento che proprio le PMI rappresentano una parte forte del tessuto economico italiano.

Per le PMI la digital transformation significa competitività

A sua volta, Michele Dalmazzoni, sales leader Cisco Italia Collaboration & Industry 4.0, aveva sottolineato come le piccole e medie imprese italiane abbiano compreso che la digitalizzazione è un fattore di competitività e di trasformazione dei modelli di business e non uno strumento accessorio: “Per questo oggi più che mai è il momento di aiutarle a fare chiarezza sugli strumenti e sulle opportunità per costruire in concreto percorsi di trasformazione digitale […]. C’è ancora molto lavoro da fare sul tema delle tecnologie abilitanti, sulle competenze e su questi ultimi due punti i vendor possono fare molto, scegliendo di collaborare con le aziende a 360 gradi, proponendo insieme soluzioni e supporto per sviluppare capacità interne, competenze delle persone e reti di relazioni che possano aiutare a sviluppare co-innovazione”.

Le iniziative di Cisco per le PMI

Non è dunque un caso che proprio Cisco abbia deciso di dar vita a iniziative specifiche di ingaggio verso il mondo delle piccole e medie imprese, con l’obiettivo non solo di aiutarle nell’adozione di nuove leve tecnologiche a supporto del loro business, ma soprattutto di comprendere come questo percorso rappresenti in realtà un volano positivo in termini di competitività e capacità operativa.

È un ingaggio consapevole, quello proposto da Cisco, ben conscia delle risorse limitate, in termini economici e in termini di competenze interne, sulle quali gli attori di questo specifico segmento di imprese possono fare affidamento, ma altrettanto conscia che l’investimento di oggi significa prepararsi al futuro e a un futuro di lungo termine.
Per questo, nel portafoglio Cisco si trovano oggi soluzioni che indirizzano tutte le principali tematiche all’interno delle organizzazioni aziendali, che le abilitano a fare di più e meglio, riducendo al minimo sia le complessità, sia – cosa molto importante – il TCO.

La connessione

Le soluzioni pensate da Cisco per il mercato delle piccole e medie imprese indirizzano tre tematiche chiave.
In primo luogo la connessione.
Viviamo in un mondo sempre più connesso e non possiamo negare che la proliferazione di dispositivi IoT, di macchine connesse, di applicazioni in cloud imponga anche alle piccole e medie imprese una nuova attenzione al nuovo mondo digitale che si è creato in questi ultimi anni.

È dunque importante poter fare affidamento su infrastrutture di rete veloci, affidabili e flessibili, in grado di rispondere in modo adeguato alle nuove richieste da parte degli utenti e del business. Per questo motivo, nel portafoglio di Cisco sono disponibili soluzioni facili da installare, integrare e mantenere, e che dunque non aggravano il lavoro dell’IT manager. Parliamo di access point di nuova generazione o di nuovi switch che garantiscono al team IT una maggiore visibilità su tutto il traffico di rete, facilitando loro la gestione delle priorità.

Proprio alle tematiche di rete specifiche per il mondo delle piccole e medie imprese Cisco ha dedicato una guida, che è possibile consultare a questo indirizzo , che contiene non solo una serie di informazioni utili a definire le reali necessità d’impresa, ma anche utili consigli per dar vita a un progetto di networking aziendale.

La collaboration

La seconda tematica indirizzata da Cisco con le proprie soluzioni è quella della collaboration.
A prescindere dalla dimensione, oggi tutte le imprese hanno bisogno di strumenti che abilitano la condivisione di informazioni, practice, dati tra team e dipartimenti, con l’obiettivo di migliorare la produttività, ottimizzare i flussi di lavoro, ridurre i costi operativi.
Per questo motivo, soluzioni come Cisco Webex Teams abilitano anche le piccole e medie imprese a nuove modalità operative, unendo i vantaggi di un sistema di conferencing e di messaggistica a quelli di una piattaforma di condivisione delle informazioni. Il tutto con minime richieste in termini di deployment e proposto con formule di abbonamento cost-effective.

Anche in questo caso, Cisco ha sviluppato una semplice guida, consultabile a questo indirizzo, nella quale illustra tutti i benefici della collaboration anche per il mondo delle Pmi.

La sicurezza

La terza tematica particolarmente importante per le piccole e medie imprese è quella della sicurezza.
In questo caso l’assunto è semplice: mettere in sicurezza i propri asset e le proprie informazioni è indispensabile per le aziende di tutte le dimensioni.
Gli attacchi cyber, lo abbiamo visto in tutti questi mesi, non fanno distinzione “di censo” tra le aziende. E se arrivano a destinazione provocano danni in termini di operatività, credibilità, reputation. Per non parlare di tutte le implicazioni legali correlate al GDPR e agli obblighi introdotti dal regolamento europeo sulla protezione dei dati e delle informazioni.
Ma in un mondo sempre più connesso e complesso, come abbiamo accennato in precedenza, il perimetro da proteggere diventa sempre più ampio. Per questo motivo non è più possibile pensare a una “strategia difensiva” basata solo su strumenti tradizionali.
Cisco ha quindi scelto di integrare funzionalità di sicurezza avanzate direttamente nei suoi dispositivi di rete, abilitando in tal modo gli IT manager a identificare e mitigare le minacce potenziali in tempi rapidi, così come tenere sotto controllo gli accessi alla rete, bloccando per tempo eventuali tentativi di attacco.
Non è un caso che Cisco abbia denominato il proprio portafoglio di soluzioni di sicurezza Cisco Umbrella (di cui abbiamo scritto diffusamente in questo servizio), proprio a simboleggiare, anche nel naming, l’idea di protezione di tutta l’infrastruttura aziendale.

Alla sicurezza per le piccole e medie imprese Cisco ha dedicato una guida specifica, consultabile a questo indirizzo.

 

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo
?>