Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Cloud

Cisco, missione Multicloud: la piattaforma Hyperflex si rinnova

La nuova versione software 3.0 fornisce ulteriore supporto per i container e Microsoft Hyper-V. Per sviluppare e implementare applicazioni sia tradizionali sia cloud native in iperconvergenza.

La piattaforma Cisco HyperFlex può ora contare su una nuova versione software 3.0, che consente garantire prestazioni e semplicità a tutte le applicazioni, in ogni tipologia di cloud e con la massima scalabilità. Le novità – spiega l’azienda in una nota – includono il supporto per Microsoft Hyper-V, cluster estesi, container e nuovi servizi multicloud che permettono di distribuire, monitorare e gestire applicazioni in qualsiasi tipo di cloud. “Il risultato – sottolinea il comunicato – è una piattaforma che permette lo sviluppo e l’implementazione di applicazioni sia tradizionali che Cloud native su una piattaforma comune di iperconvergenza”.

Iperconvergenza con un approccio end-to-end completo

Ma qual è il valore aggiunto di queste nuove funzionalità? Risiede essenzialmente nel fatto – spiega Cisco – che le altre soluzioni di iperconvergenza non considerano quanto siano decisivi il networking e i file system distribuiti sulle prestazioni e la scalabilità dei server cluster. Per questo ha ridefinito l’iperconvergenza con un approccio end-to-end completo che consente di progettare server e tecnologia di rete ad alte prestazioni, con un filesystem appositamente realizzato, in modo che sia possibile ottenere prestazioni che permettono ai clienti di supportare una vasta gamma di applicazioni, inclusi database e workload Erp cruciali.

“L’approccio di HyperFlex – afferma Edivaldo Rocha, Ceo di CorpFlex – permette di ottimizzare le prestazioni dei database Microsoft Sql e Oracle e delle applicazioni critiche con una delivery veloce, costi inferiori e una gestione più efficace”.

Dal Cloud al Multicloud

“Ciò che ci chiedono i clienti è semplicità operativa, scalabilità e capacità di soddisfare le esigenze specifiche di ciascuna delle applicazioni – aggiunge Liz Centoni, senior vice president e general manager del gruppo del Computing systems product group di Cisco – La nuova piattaforma HyperFlex è l’esempio concreto di ciò che stiamo facendo per semplificare e migliorare le attività nei data center e per supportare le organizzazioni affinché possano prosperare in un mondo multicloud”.

HyperFlex 3.0 integra importanti innovazioni per i workload critici e cloud-native, come il Supporto Multi-hypervisor, il supporto per i Container e la validazione delle applicazioni enterprise.

Tra le nuove integrazioni di servizi con il portfolio software multicloud di Cisco comprendono l’application Performance Monitoring, l’application placamento, il cloud Management e il cloud Privato. La piattaforma garantisce inoltre più scalabilità e resilienza on premises. HyperFlex può inoltre essere configurato in cluster di estensioni per garantire la massima disponibilità.

CATEGORIE:

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 giugno 2017