Dalle smart city alla digital transformation delle città | Internet 4 Things

Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Smart City

Dalle smart city alla digital transformation delle città

La digital transformation delle città rappresenta un passo in avanti rispetto alla “digitization”, ovvero al processo tecnico di conversione dell’informazione in formato digitale”, sia rispetto alla “digitalization”, il cambiamento a livello organizzativo e di business indotto dall’ingresso delle tecnologie digitali

Si parla ormai da qualche anno di “digital transformation” delle città, considerata comunemente come l’applicazione delle tecnologie digitali all’interno dei contesti urbani. Recentemente sono nati numerosi modelli di città che intendono realizzare l’obiettivo di rendere gli spazi urbani altamente tecnologici. Alcuni esempi di queste città sono Neom in Arabia Saudita, Xiong’An in Cina e Masdar City negli Emirati Arabi. Al di là delle specifiche differenze, ciò che accomuna queste città è che sono tutte pianificate con l’obiettivo di impiegare tecnologie digitali per il raggiungimento di elevati obiettivi in termini di sostenibilità ambientale, efficienza energetica, spostamenti e autoproduzione.

Tecnologie innovative come intelligenza artificiale, Internet of Things, Big Data, e altre, rendono possibile il raggiungimento di tali obiettivi.

Gli impatti sociali della trasformazione digitale delle città

Tuttavia, nel sentire comune, ciò che realmente manca parlando di digital transformation delle città e della sua antenata espressione smart city, è la componente umana. Infatti, città come Neom, Xiong’An e Masdar City rappresentano nei fatti soltanto dei poli tecnologici, in quanto sono pensate per persone che nella realtà non esistono.

WHITEPAPER
Data Strategy: quali sono le 3 fasi principali del processo di relazione con il cliente?
Business Analytics
Business Intelligence

In più, scendendo nello specifico delle tecnologie, occorre evidenziare come molto spesso tali tecnologie riflettano unicamente il punto di vista dei soggetti (principalmente economici) che hanno pensato a tali soluzioni.

Pensare realmente alla digital transformation delle città vuol dire, invece, pensare agli impatti sociali della trasformazione abilitata dalle nuove tecnologie. La digital transformation rappresenta, quindi, un passo in avanti sia rispetto alla “digitization”, ovvero al processo tecnico di conversione dell’informazione in un formato digitale”, sia rispetto alla “digitalization”, vale a dire il cambiamento a livello organizzativo e di business indotto dall’ingresso delle tecnologie digitali.

Cosa serve, quindi, per parlare di digital transformation delle città considerando anche l’aspetto umano?

Anzitutto è necessario progettare soluzioni partendo da un’approfondita analisi dei bisogni delle specifiche persone che abitano quelle città e da cosa realmente desiderano: è la città, infatti a doversi adeguare a come le persone si muovono, dove vanno, cosa fanno, come interagiscono tra loro, e non il contrario. Non possono, quindi, esistere soluzioni che vadano bene per tutte le città e tutti i contesti geografici, ma elementi personalizzati sulla base delle specifiche caratteristiche. La vera sfida è, dunque, identificare e comprendere a fondo i valori che devono guidare l’uso delle soluzioni tecnologiche nelle città, o meglio come le tecnologie a nostra disposizione possano essere efficacemente impiegate affinché le persone raggiungano i loro obiettivi nelle città stesse.

Una delle difficoltà maggiori in quest’ambito è senza dubbio quella di identificare valori e soluzioni che mettano d’accordo i molteplici punti di vista presenti nelle città e, per raggiungere tale obiettivo, abilitare processi di progettazione partecipata con i diversi stakeholder è fondamentale.

Occorre anche capire come le tecnologie possano rendere più forti le persone. Queste, infatti, non dovrebbero essere considerate “meno intelligenti” perché “le tecnologie pensano tutto”, ma come cittadini le cui scelte possono essere rese più consapevoli ed informate grazie alle tecnologie stesse. Da un lato ciò si traduce nell’esigenza di impiegare soluzioni tecnologiche al fine di rafforzare l’informazione che arriva alle persone e di incoraggiare queste ultime a compiere comportamenti corretti nelle città. Dall’altro lato il potenziamento delle persone attraverso le tecnologie passa attraverso un’approfondita analisi dei loro comportamenti che avviene anche utilizzando i dati registrati dall’interazione con e attraverso le tecnologie.

Masdar City

Digital transformation delle città basata sulla trasparenza algoritmica

Partendo da quest’ultimo punto è necessario enfatizzare la centralità delle questioni etiche. Non è possibile, infatti, pensare che i nostri dati e le decisioni che ci riguardano siano affidare totalmente alle tecnologie. In specifici momenti ci si potrebbe trovare, infatti, ad affrontare scelte drammatiche che richiedono necessariamente un coinvolgimento umano. Il problema, quindi, non è unicamente sulle tecnologie, ma sugli algoritmi che sono alla base delle loro soluzioni. Parlare di “trasparenza algoritmica”, ovvero dell’esigenza di una chiarezza degli algoritmi alla base delle soluzioni digitali che utilizziamo nelle nostre città, è sempre più importante, dal momento che risulta necessario capire a cosa sono realmente legate le scelte che le persone fanno nel corso delle loro interazioni urbane.

Bisogna, infine, riflettere sulle capacità immateriali alla base della trasformazione digitale delle città.

A prescindere dalle tecnologie, infatti, ciò che conta è l’ingegno, le emozioni e la creatività: questi rappresentano gli unici ingredienti in grado di creare la vera innovazione alla base dei processi di digital transformation. Una trasformazione, affinché sia tale, non deve infatti necessariamente partire dall’applicazione delle tecnologie: ciò che ha limitato in passato le numerose iniziative di smart city è stato, infatti, la scelta di focalizzare le soluzioni progettate ponendole su un livello fortemente tecnologico; al contrario, non tutto ciò che rappresenta vera innovazione e trasformazione è necessariamente di tipo tecnologico.

Xiong’An

Focalizzarsi sulle capacità immateriali di una trasformazione digitale delle città significa anche comprendere bene quali sono gli obiettivi che si intendono raggiungere: capire l’impatto che si vuole ottenere è necessario. Da questo punto di vista, quindi, il ruolo di una governance in grado di orchestrare, gestire, costruire ecosistemi in grado di costruire futuri sostenibili, gettare le basi per sperimentare e misurare gli impatti delle decisioni prese e comprendere le competenze da integrare in relazione alle attività da intraprendere è un elemento essenziale.

Conclusioni

Da cosa partire, dunque, per lavorare nell’ambito della digital transformation delle città? È difficile rispondere a questa domanda. Un’azione necessaria, comunque, è quella di investire sulla formazione di futuri professionisti nell’ambito della progettazione di servizi innovativi per le città. Se, come affermato, le nuove tecnologie digitali stanno dando vita a enormi cambiamenti nei processi di gestione ed erogazione dei servizi e nelle aspettative e richieste che i cittadini rivolgono alle istituzioni, è necessario imparare a utilizzarle efficacemente al fine di strutturare servizi pubblici sui bisogni dell’utente, unica garanzia per ottenere una vera innovazione.

Sui temi della digital transformation applicata alle città, iniziano a comparire master post-universitari in “Service Innovation and Digital Transformation”, il cui obiettivo è quello di formare professionisti in grado di affrontare i problemi complessi delle nostre città, attraverso l’utilizzo critico degli strumenti al fine di analizzare i contesti, identificare possibili soluzioni e progettare proposte concrete.

Video: Masdar City, la città del futuro (in inglese)
CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo