Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Smart Home

Verizon parte con la rete 5G: la prima casa connessa a Houston

L’operatore statunitense parte con il deployment commerciale della rete in 4 città nordamericane: insieme alla capitale del Texas riguarderà Indianapolis, Los Angeles e Sacramento. Il presidente Ronan Dunne: “Finalmente ci rivolgiamo ai clienti reali”

La prima rete 5G del mondo è attiva e disponibile per gli utenti finali. A realizzarla è Verizon, che servirà in una prima fase quattro città del Nord America: Houston, Los Angeles, Indianapolis e Sacramento. 

La prima connessione è stata attivata nella capitale del Texas (nella foto), nell’abitazione di Clayton Harris, che è così il primo utente 5G al mondo.

L’infrastruttura “Verizon 5G home” è stata realizzata sulla rete pre-standard proprietaria dell’operatore, e renderà possibile una connessione wi-fi superperformante all’interno di tutte le stanze dell’abitazione. 

“La prima rete commerciale 5G adesso è realtà – commenta Ronan Dunne, presidente di Verizon Wireless – Abbiamo siglato ottime partnership con numerose aziende di spicco nel mondo della tecnologia, con gli enti responsabili degli standard tecnici a livello internazionale, con gli enti pubblici, gli sviluppatori e i nostri stessi clienti , al fine di far progredire l’ecosistema 5G, e più velocemente di quanto previsto da molti. E adesso, finalmente, ci rivolgiamo anche ai clienti reali. E’ stato un viaggio entusiasmante…e il meglio non è ancora arrivato”. 

Il costo del servizio sarà di 50 dollari al mese per i clienti Verizon e di 70 dollari mensili per quelli di altri operatori. 

L’obiettivo di Verizon è stato fin dall’inizio quello di arrivare allo sviluppo commerciale della rete nei tempi più rapidi, e ha deciso di partire in attesa che sia liberato formalmente lo standard 3Gpp 5G Nr, che sarà incorporato in un secondo momento man mano che hardware, software, chipset e device arriveranno sul mercato. L’uupgrade, a quel punto, spiega l’operatore, sarà effettuato senza nessun costo aggiuntivo per gli utenti finali man mano che i nuovi equipaggiamenti di redi si renderanno disponibili e che il servizio sarà esteso ad altri centri urbani

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 giugno 2017