Kopron lancia la divisione AgroEnergy in chiave IoT | Internet 4 Things

Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Smart Agrifood

Kopron lancia la divisione AgroEnergy in chiave IoT

Una innovazione tecnologica che permette di gestire i processi produttivi dalla semina sino alla distribuzione, in un progetto completamente made in Italy che raggiunge l'obiettivo di produrre cibo sano con energia pulita

Riccardo Pesi, Kopron divisione Agro - EnergyUn passo in avanti tutto italiano nella direzione della Smart Agriculture. Con una presentazione in occasione del workshop Logistica Agro-Food – Trend e innovazioni organizzato da Kopron in collaborazione con L’Osservatorio Contract Logistics del Politecnico di Milano nasce la nuova divisione AgroEnergy di Kopron. E si tratta di una novità che viene in realtà da lontano: Kopron è infatti impegnata nell’innovazione logistica industriale e sui temi dell’energia da oltre 30 anni con un punto di svolta per questa nuova fase che è arrivato con la consulenza e competenza in ambito agronomico. Lo spiega Riccardo Pesi, responsabile della divisione AgroEnergy di Kopron. “Abbiamo unito le nostre competenze nello sviluppo di soluzioni di logistica innovativa e di gestione energetica con le competenze in campo agronomico che ci hanno permesso di sviluppare delle serre assolutamente innovative per la coltivazione di ortaggi, frutta o florovivaistica”. Il tutto nel rispetto delle tecniche tradizionali, ovvero non con colture di tipo idroponico.

Il punto di partenza di questa innovazione riguarda innanzitutto l’approccio sistemico, ovvero l’obiettivo di integrare tutti i fattori che concorrono a produrre in modo efficiente cibo sano con energia pulita con la possibilità di controllare ed eliminare tutti i fattori di rischio che tipicamente intervengono negativamente sulla produzione come appunto i fattori climatici, le patologie o i parassiti.

L’innovazione di Kopron è costituita dalla realizzazione di una serra completamente innovativa che ricostruisce un ambiente protetto dove viene attivata una vera e propria filiera di produzione completa. Si parte dal ciclo di semina, si passa alla germinazione e poi alla produzione e al raccolto che a sua volta comprende il taglio, il lavaggio, l’asciugatura, il controllo del peso e il confezionamento del prodotto finito. Tutte queste fasi sono poi integrate con le attività di stoccaggio e con l’accesso alla linea del freddo. Questa logica di produzione riflette la struttura degli impianti che sono costituiti da 4 zone: preparazione, produzione, lavorazione e confezionamento con integrazione verso i sistemi di stoccaggio.

Serre Automatiche e Kopron AgroEnergy

WEBINAR
Intelligenza Artificiale: nuovi scenari e nuove regole. Scoprilo nel webinar del 3 febbraio
Intelligenza Artificiale
Istruzione

La logica di queste serre può essere rappresentato come una sorta di serra verticale, ovvero una serie di campi costituiti da contenitori per la coltivazione con metodi tradizionali a base di torba. Questi campi sono animati da sistemi di movimentazione automatici in modo da portare le piante nelle zone corrispondenti alle varie fasi di produzione: partendo dalla semina, alla maturazione, alla raccolta in modo da programmare il ciclo di produzione  rendendolo ripetibile e programmabile anche perché può essere indipendente da fattori ambientali che possono compromettere la produzione.
La serra è poi dotata di sistemi che gestiscono in automatico l’irrigazione, l’umidità, il calore, la fertilizzazione con tutte le possibili variabili che vanno dalla programmazione del microclima con riscaldamento e raffrescamento e con il controllo dell’intensita della luce solare.

Kopron AgroEnergy punta a fornire soluzioni che con questo tipo di caratteristiche permettono di controllare tutta la filiera produttiva e permettono di garantire la totale tracciabilità dei prodotti e la programmazione della produzione dal punto di vista della quantità, della qualità e dei tempi.

Queste soluzioni intendono poi rispondere anche alle esigenze delle aziende agricole anche nella prospettiva IoT di rendersi energeticamente autosufficienti. Grazie all’utilizzo di fonti energetiche a basso impatto ambientale come fotovoltaico, cogenerazione, biogas o minieolico che portano una serie di vantaggi dal punto di vista economico e naturalmente per l’ambiente.

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo