Confini sempre più sfuocati fra il mondo dei Pc e quello dei cellulari

Mondi un tempo rigidamente separati, come quelli delle Telecomunicazioni, dell’IT e dei Media, sempre più si avvicinano. Così i produttori di Pc…

Pubblicato il 01 Mag 2010

Mondi un tempo rigidamente separati, come quelli delle
Telecomunicazioni, dell’IT e dei Media, sempre più si
avvicinano. Così i produttori di Pc diventano attori rilevanti
nel mondo della telefonia e, viceversa, i produttori di cellulari
cercano di dire la loro nel comparto dei Net Pc. Dopo Apple,
produttore di personal computer che ha assunto un ruolo rilevante
nello sviluppo del Mobile Internet con l’iPhone, e Google,
che ne ha seguito l’esempio, prima distribuendo il sistema
operativo mobile Android e, successivamente, realizzando il suo
primo device, Nexus One, ora è il turno di Nokia. La casa
finlandese sta provando, infatti, a fare il percorso inverso,
presentando al pubblico il primo netbook della sua storia,
denominato “Booklet 3G”. Nokia ha deciso di affidarsi
alla piattaforma Intel Atom, scelta ormai consolidata in questa
fascia di prodotti, e a Windows 7 come sistema operativo,
includendo una serie di feature derivate strettamente
dall’esperienza mobile, tra le quali si sottolinea il
modulo Sim con connettività 3G/HSPA (High Speed Packet Access).
Il nuovo prodotto va a posizionarsi nella fascia alta del mercato
di appartenenza, grazie a soluzioni tecniche quali la scelta di
un corpo in alluminio unibody con tastiera ad elementi separati,
soluzione già scelta da Apple per i suoi MacBook, e la ricerca
di un’autonomia da “cellulare”, con ben 12 ore
dichiarate. I primi riscontri su questo prodotto non sono stati
molto positivi e, dopo il lancio dell’iPad da parte di
Apple, sono già iniziati i rumors che parlano di una probabile
risposta di Nokia attraverso il lancio di un nuovo tablet Pc
entro l’anno.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3