Il Web Search va sul cellulare | Internet 4 Things

Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Mobile App

Il Web Search va sul cellulare

Come emerge da uno studio di CommScore, la ricerca effettuata da cellulari è cresciuta di oltre il 68% negli Usa e del 38% in Europa rispetto allo scorso...

Come emerge da uno studio di CommScore, la ricerca
effettuata da cellulari è cresciuta di oltre il 68% negli Usa
e del 38% in Europa rispetto allo scorso anno, grazie ad una
maggiore presenza di smartphone e piani flat per la
navigazione. A guidare il comparto dei motori di ricerca Mobile
in Italia è Google Mobile con l’88% del mercato – quota
destinata a salire con la commercializzazione gli smartphone
Android – essendo il motore di ricerca predefinito in
molti smartphone. Segue Yahoo Mobile con il 17% del
mercato.

Come già avvenuto sui motori di ricerca Web,
l’ampia diffusione del Mobile search offre numerose
opportunità anche in ambito di marketing. Google Mobile da
settembre offre in UK e USA la funzione My Location grazie alla
quale i possessori di cellulari con sistema operativo Windows
Mobile possono usufruire delle Gears Geolocation API per
ricercare bar, negozi e altri punti di interesse nelle
vicinanze. Utilizzare lo strumento Mobile per segnalare il
proprio esercizio è la naturale evoluzione di questa
applicazione.

Marco Loguercio, amministratore delegato di SEMs ed
esperto italiano di motori di ricerca, ha dichiarato: «Le
vere potenzialità del Mobile Search sono in realtà ancora
tutte da scoprire, sia per l’utente che per le aziende
intenzionate a sfruttare le ricerche attraverso device mobili a
scopi promozionali. Piani tariffari e output ad oggi non sempre
soddisfacenti limitano le potenzialità del mobile search
advertising, tanto è vero che Google pensa di offrire
possibilità differenti a seconda dei device utilizzati, ad
esempio con advertising specifico per chi ha un iPhone.

Il settore è comunque in fermento e le novità sono
all’ordine del giorno». Proprio con l’idea di
sfruttare tutte le potenzialità offerte da questo mercato,
oltre ai motori di ricerca più tradizionali, come Google e
Yahoo, esistono per cellulari motori verticali per categorie
merceologiche specifiche, come, ad esempio, Kelkoo Mobile,
motore di ricerca per l’elettronica, oppure Blobee, per i
contenuti multimediali, o ancora il nuovo servizio Smarter
Agent’s Homes for Sale, disponibile solo in USA, un
motore di ricerca che permette agli utenti di trovare case,
appartamenti, uffici e negozi cercando direttamente dal
cellulare.

Esistono anche motori di ricerca via mobile che si basano
su tecnologia Sms, come ad esempio Iadi, servizio sviluppato da
Imin Holding, che consente di ottenere informazioni relative a
carburante, ristoranti, alberghi. 

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo