Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Mobile App

Pagamenti contactless e Smart City, a Milano risparmiabili 200 milioni in 10 anni nel trasporto pubblico

I pagamenti digitali riducono i tempi morti, conquistano ai mezzi pubblici anche i viaggiatori non sistematici, e aumentano il business delle imprese coinvolte, spiega la ricerca "Gli strumenti di pagamento per lo sviluppo di una Smart City. Il caso dei servizi di trasporto nelle aree metropolitane" di Certet-Università Bocconi e MasterCard

La diffusione dei pagamenti digitali aiuta lo sviluppo delle Smart City, portando concreti benefici di efficienza delle strutture e miglioramento nella qualità dei servizi. Ma deve procedere rispettando le abitudini degli utenti, e coniugando l’innovazione tecnologica con la facilità d’uso per puntare a forme di pagamento sempre più semplici.

Gli esempi concreti non mancano, e l’occasione per fotografare quale contributo le soluzioni contactless e di smart mobility stiano contribuendo a disegnare le città del futuro è data dalla recente ricerca “Gli strumenti di pagamento per lo sviluppo di una Smart City. Il caso dei servizi di trasporto nelle aree metropolitane” realizzata dal Certet della Università Bocconi in collaborazione con MasterCard.

Il contactless fa bene alla mobilità

«Le carte di pagamento contactless – osserva Oliviero BaccelliDirettore del Certet Bocconi – permettono di ridurre i costi economici della gestione dei processi legati al ticketing, aumentano la dimensione del mercato dei servizi di trasporto e contribuiscono a migliorare l’efficienza generale dei servizi».

La ricerca ha messo in evidenza che lo sviluppo verso la digitalizzazione nei pagamenti ha permesso di ridurre i tempi morti, ha permesso di conquistare al trasporto pubblico anche altri viaggiatori non sistematici e ha aumentato il business per le imprese del trasporto pubblico. Baccelli sottolinea inoltre l’importanza dell’integrazione e sviluppo di soluzioni realmente intermodali e ha sottolineato che con i digital payment è possibile trovare più rapidamente una risposta anche a situazioni, come quella lombarda, dove la ricchezza e la complessità del trasporto pubblico si deve confrontare con uno scenario costituito da 65 sistemi tariffari differenti.

Al proposito la ricerca dice che se i servizi di trasporto pubblico dell’area metropolitana di Milano – compreso il Malpensa Express – disponessero di digital payment contactless con carta di credito ai tornelli, si potrebbe ottenere un beneficio di oltre 200 milioni di euro in dieci anni. Per stabilire questa cifra la ricerca ha calcolato i benefici per i passeggeri, per le imprese di trasporto pubblico, per la collettività in generale, per l’ambiente. Una soluzione di digital payment attivata tra le stazioni di Milano Cadorna e Milano Centrale, potrebbe permettere di aumentare il flusso dei passeggeri del 32%, attraverso una profonda semplificazione dei processi di ticketing.

Il caso del Malpensa Express

Nel caso del Malpensa Express tra l’altro i costi di implementazione sono relativamente accessibili (l’adeguamento dei tornelli è limitato a circa 50 strutture) e sarebbero interessati passeggeri non sistematici, che troverebbero grandi vantaggi nella possibilità di pagare in forma digitale i titoli di viaggio. La ricerca stima che il nuovo sistema di pagamento contactless potrebbe conquistare qualcosa come 648.000 passeggeri aggiuntivi l’anno sui treni; e che per coprire tutti i costi di investimento già nel primo anno sarebbero sufficienti 20.458 passeggeri l’anno, ovvero 56 nuovi passeggeri al giorno. Nel caso invece di un allargamento della strategia contactless alla città si dovrebbe procedere con un adeguamento delle migliaia di tornelli della rete urbana e sarebbe necessario un finanziamento pubblico a fondo perduto, giustificato comunque dai benefici collettivi che ne deriverebbero.

Il ruolo di MasterCard

Paolo Battiston, Division President di MasterCard Italy & Greece ha voluto sottolineare l’impegno di MasterCard «nella ideazione e realizzazione di città intelligenti con la consapevolezza che è assolutamente fondamentale integrare i pagamenti digitali nel DNA della mobilità intelligente del futuro» Un futuro che è sempre più concreto nel nostro presente e che permette «di migliorare l’efficienza e la sostenibilità delle nostre città, rendendole più sicure e più accessibili sia per i cittadini sia per i turisti».

Battiston afferma che l’impegno è di contribuire fattivamente a far diventare Milano una delle città più Smart d’Europa con una mobilità innovativa e intelligente che grazie ai digital payment e al contactless conquista gli utenti puntando sulla facilità e sull’usabilità. «Da questo punto di vista MasterCard può dare un contributo fondamentale grazie alle esperienze internazionali e l’expertise tecnologica».

La ricerca ha poi voluto alzare lo sguardo alle esperienze europee e in questo senso Londra è certamente una città che dal punto di vista della mobilità intelligente e dello sviluppo di nuove soluzioni per i pagamenti digitali sta facendo scuola. In particolare in 18 mesi dall’avvio del progetto contactless nella capitale inglese i pagamenti hanno conquistato oltre il 25% dei passeggeri non sistematici. Grazie al progetto lanciato nel 2014 da Transport for London relativo al Gatwick Express, un servizio che ha caratteristiche analoghe al Malpensa Express, la tecnologia contactless di MasterCard ha aumentato l’accessibilità complessiva all’intera area metropolitana con una soluzione che va nella direzione della intermodalità.

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo
?>