Torino, ministero e Comune alleati sui test per la self driving car | Internet 4 Things

Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Automotive

Torino, ministero e Comune alleati sui test per la self driving car

Siglato l’accordo che prevede la creazione nel capoluogo piemontese di un laboratorio per la sperimentazione dell’auto a guida autonoma. Il ministro Toninelli: “Passo in avanti importante per la piena diffusione della smart mobility”

Torino si candida come capitale italiana dell’auto a guida autonoma. Le sperimentazioni sul progetto inizieranno a breve, grazie all’accordo siglato dal Comune con il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti per la creazione nel capoluogo piemontese di un laboratorio dove svolgere i test. Nelle attività del centro saranno coinvolti partner industriali importanti come Fca, Gm, Audi e Mercedes, con i primi test che saranno effettuati già in autunno.

Il protocollo d’intesa siglato nei giorni scorsi mette a disposizione dei tecnici un’area della città dove sarà possibile mettere su strada le self driving cars per tutti i test del caso, in un tracciato modulare che consente di provare le auto su percorsi di lunghezza e caratteristiche diverse a seconda delle esigenze. 

Dall’Internet of Things alle Smart Road

“E’ un passo in avanti molto importante nel progetto di una piena diffusione della smart mobility – commenta Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei trasporti – iniziato con l’istituzione dell’Osservatorio tecnico di supporto per le Smart Road e per il veicolo connesso e a guida automatica”. 

NEWSLETTER
Auto elettrica, car sharing, self driving car e non solo. Non perdere le news di Automotive Up!
Automotive
Smart Mobility

Si tratta in tutto di un circuito lungo 30 chilometri che parte dal centro della città per arrivare fino a Mirafiori, che tocca ospedali, stazioni ferroviarie, l’area dei semafori intelligenti (basati su IoT) di corso Galileo Ferraris il sottopasso di corso Unità d’Italia e alcune piccole vie centrali nel quartiere di San Salvario. In una prima fase comunque le auto non circoleranno senza nessuno a bordo, ma ci sarà sempre un pilota pronto a intervenire in caso di emergenza.

Un ecosistema tecnologico fondato sui Big Data

“L’obiettivo – sottolinea il ministro – è la creazione di un ecosistema tecnologico, fondato sui Big Data, favorevole alla sinergia tra infrastrutture e veicoli di nuova generazione, per migliorare la sicurezza e la fluidità del traffico. La sperimentazione di Torino ci permette di testare quello che metteremo in atto su scala nazionale in relazione al progetto Smart Road”. 

“Vogliamo contribuire a migliorare il sistema di mobilità urbana – commenta Paola Pisano, assessore comunale all’Innovazione – attraverso lo sviluppo, in tutta la città, di un’infrastruttura tecnologica capace di interagire con i progetti che verranno attivati sul territori, ma soprattutto quello di incrementare i servizi per il cittadino. La speranza è che si possano attrarre competenze e aziende legate alla tecnologia e all’innovazione e che Torino diventi il punto di partenza e riferimento di questo sviluppo innovativo”.

Leggi anche

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo