Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Mobile App

La "guru" di Wall Street: tutte orientate al Mobile le principali innovazioni hi-tech del momento

L'atteso report "Internet Trends 2016" di Mary Meeker, venture capitalist considerata tra le donne più potenti del mondo da Forbes, mette in evidenza soprattutto la crescita delle interfacce vocali, l'impronta sempre più video e meno testuale della comunicazione (cresce Snapchat, scompaiono gli sms), le smart car e la pubblicità online

Qualcuno li considera il modo più veloce per farsi una prima idea completa dei principali trend in atto nei settori internet: i report annuali di Mary Meeker, già analista finanziaria di Morgan Stanley e oggi partner del venture capitalist Kleiner Perkins Caufield & Byers specializzata in Digital Growth Funds, sono uno strumento estremamente utile per tutti gli addetti ai lavori grazie alla ricchezza di dati e statistiche, e all’ampiezza dei campi trattati, dalle tendenze dei fondi d’investimento alle startup più “di frontiera” nell’internet business. Tanto da aver reso la sua autrice una delle 100 donne più potenti al mondo secondo Forbes. Ma ecco alcuni dei trend più importanti in atto nel 2016 secondo Meeker.

1. Smartphone, rallenta la crescita. Secondo “Internet Trends 2016”, la crescita degli smartphone sta rallentando (anche perché nei Paesi più poveri il costo è sproporzionato rispetto al reddito: in Etiopia serve il 47,6% del reddito medio annuale per acquistarne uno, contro lo 0,9% dell’Italia), e mentre Android guadagna quote di mercato su iOS, il prezzo medio di vendita dei dispositivi che montano il sistema operativo di Google sta rapidamente declinando. Android è quindi una piattaforma sempre più attrattiva per gli sviluppatori ma sempre meno redditizia per i produttori hardware.

2. Cina e Asia i mercati più favorevoli per le compagnie tecnologiche. Dal punto di vista di quel 58% di popolazione mondiale ancora non connessa, la maggiore barriera risulta infrastrutturale: mancano le reti ad alta velocità e gli incentivi per costruirle, mentre l’analfabetismo digitale è un problema solo e unicamente nelle aree più remote del pianeta. E mentre in America e in Europa le infrastrutture sono mediamente buone, in Asia spesso sono molto carenti. Ma proprio lì si trovano le nazioni a più alta crescita di PIL, ed è quindi in Cina e nell’Asia emergente che le compagnie tecnologiche troveranno un mercato più favorevole, più che nel Vecchio Continente e negli States. Dove, invece, il futuro dell’economia non sembra tanto roseo, e proprio per questo e per i crescenti rischi, saranno le nuove aziende e le startup che ruotano attorno al mondo di Internet ad avere maggiore successo.

3. Pubblicità: il futuro è web e mobile. Il mondo della pubblicità online invece continua a essere trainato dagli USA, dove leader del mercato è Google con 30 miliardi di dollari di fatturato (+18% nel 2015 rispetto al 2014), ma a far registrare la maggiore espansione è Facebook, con un fatturato in crescita del 59%. Gli investitori, comunque, secondo Meeker non hanno ancora capito che il futuro è altrove, e spendono ancora troppo del loro budget in carta stampata, radio e TV e troppo poco sul web e, soprattutto, sul mobile. Per questo le aziende che stanno già aggredendo il settore della comunicazione online avranno maggiori benefici quando gli investitori si accorgeranno dell’errore spostando le loro campagne sulle nuove piattaforme. L’altra faccia della medaglia è però rappresentata dagli adblocker, che vengono adottati da sempre più utenti (+94% in Cina e India nell’ultimo anno): i pubblicitari devono quindi imparare a essere meno invasivi, a offrire un prodotto con forti caratteristiche di intrattenimento e soprattutto a servirsi del marketing mirato e non più di quello generalizzato.

4. L’eCommerce rivoluziona il commercio. Internet ha cambiato e sta cambiando anche il commercio: la Rete consente infatti a prodotti generici di diventare oggetti di massa. Così i brand online reagiscono creando anche negozi fisici, i grandi commercianti al dettaglio sbarcano su Internet e soprattutto sul mobile, e i produttori ottimizzano le loro linee di produzione grazie ai feedback ottenuti dai clienti.

5. Cambia la comunicazione: più video, meno testi. In questo panorama sta evolvendo anche il modo di comunicare: cresce infatti a dismisura la visualizzazione di video (che sempre più spesso diventano virali) a discapito dei testi, e in parallelo crescono anche piattaforme come Facebook (8 milioni di video visti al giorno), Snapchat (10 milioni) e Instagram, mentre calano Twitter e LinkedIn. Gli utenti continuano però a condividere anche le fotografie, il cui numero cresce di giorno in giorno e di anno in anno. In tema di messaggistica, il leader incontrastato resta WhatsApp, seguito da Facebook e da WeChat, mentre Google è ormai fuori dalla corsa. Così come le piccole realtà e le molte startup che avevano scommesso su prodotti di questo tipo (e sugli SMS, ormai quasi completamente abbandonati).

6. Più interfacce vocali, meno tastiere. Per chi ha perso il treno o sbagliato scommessa, Meeker indica però una strada per aprirsi una porta verso il futuro: il domani, sostiene l’analista, è della voce. Perché sono le interfacce vocali la grande opportunità di domani: già ora, su piattaforma Android, una ricerca su 5 è vocale, con una crescita esponenziale negli ultimi tre anni. E anche lo sviluppo dell’Internet of things e delle smart car, che difficilmente hanno tastiere come interfaccia di input, spingono nella direzione della voce. Che è più veloce, più facile, più personalizzabile e più economica di una tastiera.

7. Smart Car e Car sharing. Per quanto riguarda le smart car, infine, la spinta innovatrice di Tesla e Google, secondo l’analista, potrebbe far tornare gli Usa patria dell’industria dell’automobile. Anche perché i legislatori americani stanno abbracciando questo settore più velocemente di quanto abbiano fatto in passato con altre tecnologie innovative. In parallelo, però, le auto private diminuiranno, mentre diventeranno sempre più popolari formule di sharing come Uber.

 

 

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo