Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Smart Mobility

5G: un impatto record per il settore Media & Entertainment

Secondo uno studio commissionato da Intel entro i prossimi dieci anni il mondo dei media sarà completamente trasformato dall'avvento del 5G

L’avvento del 5G è destinato a impattare praticamente tutti i settori economici ma, in modo particolare, quello dei media e dell’intrattenimento: è quanto prevede il recente rapporto “5G Economics of Entertainment Report” commissionato da Intel e condotto da Ovum, secondo cui nel prossimo decennio (2019-2028) le società di media e intrattenimento competeranno in maniera accanita tra loro per conquistare le opportunità di guadagno aggiuntive derivanti dal nuovo standard, stimate dal report in circa 1,3 trilioni di dollari. Con queste cifre in ballo, è chiaro che se il 5G sarò un grande vantaggio competitivo per quelle aziende che saranno capaci di cavalcarlo. Per tutte le altre il rischio fallimento, invece, è dietro l’angolo.  Anche perchè la rivoluzione del 5G è già dietro l’angolo: già nel 2025 il 57% dei ricavi dei contenuti multimediali wireless sarà legato alla potenza di banda del 5G e dei dispositivi connessi, . Una crescita netta rispetto al 20% del 2022 (ad appena due anni dall’entrata in vigore dello standard) e destinato ad arrivare a una percentuale dell’80% nel 2028.

 

A fare la differenza sarà la bassa latenza garantita dal 5G, che permetterà download rapidissimi e, soprattutto, un eccellente qualità nel livestreaming. Basti pensare che, secondo lo studio di Intel, il traffico medio mensile per abbonato 5G passerà da 11,7 GB nel 2019 a 84,4 GB al mese nel 2028; per quella data il video rappresenterà il 90% del traffico 5G. A beneficiare del 5G saranno soprattutto le applicazioni di realtà aumentata e virtuale, che entro i prossimi dieci anni cresceranno in maniera esponenziale, raggiungendo un giro d’affari di oltre 67 miliardi di dollari l’anno nel 2028. La realtà è che praticamente tutti i settori saranno influenzati dall’avvento del 5G, in una modalità che oggi  ancora difficile da immaginare. Basti pensare che il 4G ha reso possibile la rapida proliferazione di colossi come Airbnb , Uber, Netflix e Spotify, dunque è lecito attendersi almeno altrettanto dal 5G.

Proprio al tema del 5G è dedicato un apposito evento promosso dal gruppo Digital 360, in programma a Roma il prossimo 13 dicembre. Ulteriori informazioni sono disponibili su questa pagina. 

 

 

CATEGORIE:

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 giugno 2017