Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Smart Health

Una call to action dal Ministero per teleassistenza e monitoraggio per contrastare il Coronavirus

Aperta per tre giorni una valutazione di tutte le migliori proposte tecnologiche disponibili, per agire in modo coordinato a livello nazionale e combattere il Coronavirus da parte del Ministro per l’Innovazione, a supporto del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità

L’uso sistemico delle tecnologie emergenti (data analytics, intelligenza artificiale) e della telemedicina (teleconsulto, televisita) ha già dato prova in diversi Paesi del mondo di costituire un’arma utile per prevedere, diagnosticare, trattare e monitorare il contagio da nuovo Coronavirus (SARS-CoV-2).

Nell’ottica di accelerare e ottimizzare i tempi di intervento e le operazioni di contrasto dell’epidemia nasce “Innova per l’Italia”, l’iniziativa promossa dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano, dal Ministero della Salute all’Istituto Superiore di Sanità (ISS), e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

L’obiettivo è mettere a valore le migliori soluzioni digitali disponibili sul mercato per la prevenzione, la diagnostica e il monitoraggio anche da remoto del Coronavirus, e coordinare a livello nazionale l’analisi, l’adozione, lo sviluppo e l’utilizzo di queste tecnologie per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus sul territorio nazionale.

Tra le tecnologie richieste a Pubbliche Amministrazioni, enti ed organizzazioni pubbliche e private, ci sono applicazioni e soluzioni tecniche di tele-assistenza per pazienti domestici, sia per patologie legate a COVID-19, sia per altre anche di carattere cronico. Rientrano in questo ambito app e chatbot per l’auto-monitoraggio delle condizioni di salute, rivolte a tutti i cittadini o solo ad alcune fasce (come i soggetti sottoposti a isolamento fiduciario).

Aziende, università, enti e centri di ricerca pubblici e privati, associazioni, cooperative, consorzi, fondazioni e istituti  che intendono candidarsi possono compilare un form dedicato disponibile da martedì 24 marzo ore 9.00 a giovedì 26 marzo ore 13.00 sul sito del Ministero a cui è possibile accedere direttamente da qui.

 

DATA&ai sUMMIT, 29 APRILE
Big Data & Instagram: quali le tecniche di profilazioni più promettenti?
Big Data
Big Data

In merito puoi leggere questi articoli

E-health e Covid-19: nel lodigiano i pazienti guariti si curano a distanza

Rivoluzione 5G in sanità: ora il chirurgo può operare da remoto

 

 

Immagine fornita da Shutterstock.

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo