Riconoscimenti

Forum PA 2023 premia le menti “fuori dagli schemi” delle amministrazioni pubbliche

I vincitori della terza edizione del Premio “Rompiamo gli schemi” presentati durante FORUM PA 2023, il più importante evento nazionale dedicato alla modernizzazione della PA

Pubblicato il 17 Mag 2023

shutterstock_1504730780 (1) (1)

Il Premio “Rompiamo gli schemi” è una delle iniziative lanciate nel contesto di FORUM PA, il grande evento sull’innovazione nella pubblica amministrazione organizzato da FPA, società del Gruppo Digital360, che ha l’obiettivo di valorizzare gli innovatori del mondo pubblico e privato che sono diventati motore di cambiamento nelle organizzazioni in cui lavorano, grazie alle loro competenze e allo spirito d’iniziativa. Durante l’evento “OPEN DAY PA: apriamo le amministrazioni ai nuovi talenti” in apertura del FORUM PA 2023, che si svolge dal 16 al 18 maggio al Palazzo dei Congressi di Roma, sono stati presentati i vincitori della terza edizione.

Il riconoscimento, promosso da FPA in collaborazione con ALTIS-Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Fondazione Mondo Digitale, Fondazione per la Sostenibilità Digitale, PA Social e IWA Italy, si allinea perfettamente al tema dell’edizione di quest’anno: “Ripartiamo dalle persone“. Infatti, celebra quegli individui che non si sono limitati alle procedure, ma hanno posto obiettivi e risultati al centro delle loro azioni. Un’occasione unica per le pubbliche amministrazioni di attrarre talenti e valorizzare le persone che le compongono.

Ecco gli innovatori che si sono guadagnati un posto d’onore

Uno dei vincitori è Gianna Elisa Berlingerio, direttrice del Dipartimento Sviluppo Economico della Regione Puglia. Avvocata e madre di tre figli, ha iniziato a lavorare come dirigente di servizio nella Regione Puglia nel 2009. La commissione del premio ha commentato: “Insieme al suo team regionale, ha dimostrato negli anni agli imprenditori italiani e stranieri che la Puglia è un luogo fertile per la sinergia tra creatività aziendale e l’eccellenza delle università, tra le ricchezze delle risorse e il valore del capitale umano, tra l’attitudine all’innovazione e la capacità di attivare dinamiche di resilienza”. Nel 2021 è stata nominata a capo del Dipartimento in cui lavora e da due anni si dedica alla programmazione delle risorse, concentrandosi sulla trasformazione digitale, la transizione verso modelli di sviluppo sostenibili, la sostenibilità sociale delle dinamiche economiche, le politiche giovanili e la parità di genere. Attualmente, sta sviluppando un programma di sviluppo chiamato “Strategy in Action“, che mira a rendere la Puglia la regione più attrattiva dell’area euromediterranea per imprese e persone entro il 2030.

Un altro vincitore è Maurizio Musio, tecnico specializzato in impianti tecnologici ed energie rinnovabili presso il Comune di Serrenti, in Sardegna. Nel corso degli anni, Musio ha ideato progetti volti al risparmio energetico e alla valorizzazione delle energie rinnovabili, con l’obiettivo di creare una smart city. Attraverso iniziative come “Illuminamente” e “S.E.I”, è stato possibile risparmiare milioni di kilowattora sia sulla rete stradale che negli edifici comunali a partire dal 2010. Ha anche promosso l’uso di energie rinnovabili nelle scuole attraverso il progetto “Ciao Ciao CO2”, che consiste in laboratori didattici sull’energia rinnovabile. Inoltre, ha sviluppato il progetto “LuciF.E.R”, che combina l’illuminazione pubblica con l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, diventando un’iniziativa strategica per il Comune. Queste iniziative dimostrano che la transizione energetica ed ecologica nei piccoli comuni può essere realizzata valorizzando le persone e motivandole a perseguire obiettivi vantaggiosi per il territorio.

Paolo Valerio Santamaria, funzionario analista di processo/allievo dirigente Sna Inps, ha invece proposto ai suoi dirigenti di utilizzare SharePoint online, una tecnologia già disponibile ma poco sfruttata, per creare una biblioteca digitale di formazione. L’ente di appartenenza di Santamaria non aveva un archivio unificato per il materiale formativo, i documenti erano dispersi in un’intranet poco funzionale, rendendo difficile trovare il materiale appropriato. Grazie all’organizzazione di un team multifunzionale coordinato da Santamaria, è stato creato un archivio accessibile anche da dispositivi mobili, che ospita tutte le risorse interne. Per creare la struttura di classificazione, sono state coinvolte tutte le direzioni interessate attraverso un’ampia opera di cooperazione. Ciò ha permesso di rompere il vecchio schema in cui solo i dirigenti potevano gestire il lavoro tra diverse direzioni con personale dedicato a progetti specifici. Inoltre, il direttore ha dimostrato lungimiranza assegnando il compito a un funzionario come Santamaria, che ha avuto ampia autonomia nella gestione non solo dei tempi e delle risorse, ma anche del personale più esperto. Successivamente, l’iniziativa è stata inclusa tra i progetti PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza) dell’Inps.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5