Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Open Innovation

Dalle tecnologie esponenziali alla Cognitive Enteprise: appuntamento il 12 settembre a Milano

Le tecnologie esponenziali stanno rimodellando il business delle aziende e le aziende stesse. Le aziende di prossima generazione saranno cognitive. Cosa significa? Qual è il percorso da affrontare per diventare una Cognitive Enterprise? E quali sono le tecnologie abilitanti? Ne parliamo il 12 settembre

Abbiamo avuto più volte occasione di parlarne: le cosiddette tecnologie esponenziali, vale a dire le tecnologie caratterizzate da rapide accelerazioni, guidate dai risultati raggiunti progressivamente, come cognitive computing, intelligenza artificiale, robotica, Internet of Things, blockchain, rappresentano oggi le leve sulle quali le aziende costruiscono non solo la loro competitività, ma anche nuovi modelli di business, dai quali ricavare nuova redditività.

Dalle tecnologie esponenziali alla cognitive enterprise

In particolare, l’ambito dell’intelligenza artificiale e dei sistemi cognitivi secondo le più recenti stime di IDC per l’anno in corso, dovrebbero rappresentare un giro d’affari superiore ai 13,5 miliardi di dollari, figli di un combinato di sposto di soluzioni, applicazioni, software, servizi, investimenti infrastrutturali.
Un dato confermato per altro anche dal più recente studio C-suite di IBM, che ha coinvolto più di 12.500 CxO in tutto il mondo: il 26 per cento dei budget per investimenti tecnologici delle imprese è già destinato a tecnologie cognitive, mentre si registra anche un crescente interesse per altre tecnologie emergenti.
Tutto questo, cosa ancora più rilevante, ha un impatto sempre più significativo sulle persone, sugli stili e sulle modalità di lavoro, sui processi, sulle modalità con le quali le aziende si relazionano tra di loro e con il mercato.
Sono cambiamenti importanti, dai quali prendono vita nuove “forme aziendali”, nei quali il paradigma della digital transformation trova una nuova declinazione in quella che viene oggi definita cognitive enterprise, vale a dire un’azienda in grado di cogliere al meglio tutte le opportunità che da queste leve tecnologiche derivano.

Dai reparti all’azienda-piattaforma

Un’azienda che si stacca dai retaggi del passato e sempre più si configura non in base a reparti o dipartimenti, bensì come piattaforma, anzi, come una serie di piattaforme, come ben ha spiegato Mark Foster, Global Leader of IBM Global Business Services, in un paper dal titolo The Cognitive Enterprise – Part 1 – The journey to AI and the rise of platform-centric business architecture: la cognitive enterprise del futuro sarà composta da una serie di piattaforme “intelligenti”, almeno una delle quali sfrutta le competenze principali di un’azienda. Un’organizzazione di successo dovrà interagire con un ecosistema di piattaforme per supportare la propria attività. Il vantaggio competitivo dipenderà dalla velocità con cui una piattaforma core è in grado “imparare” in modo esponenziale e adattarsi continuamente al mercato in evoluzione.

È chiaro che non si diventa impresa cognitive in un momento: il percorso di trasformazione coinvolge persone, processi, flussi, competenze e infrastrutture e una attenta governance che non perda di vista alcun tassello, tenendo conto anche di nuovi modelli di orchestrazione applicativa e infrastrutturale (container, hybrid e multi cloud). 

Di tutto questo si parlerà il prossimo 12 settembre, agli IBM Studios (Piazza Gae Aulenti, Milano), nel corso di un evento che IBM vuole dedicare ai CIO, agli Innovation Manager a tutti gli imprenditori che intendono capitalizzare, all’interno delle proprie aziende, dati e informazioni grazie a Big data analitycs, IoT, intelligenza artificiale e blockchain per lo sviluppo di piattaforme di business innovative, sulle quali costruire non solo un nuovo vantaggio competitivo, ma anche una nuova “natura d’impresa”, quella cognitiva.

Ecco l’agenda dell’evento, dal titolo
Verso la Cognitive Enterprise: tecnologie primarie e combinazioni su misura

12 Settembre, IBM Studios, Piazza Gae Aulenti – Milano

Iscriviti qui

Agenda

OrarioDescrizione
13:30Registrazione & Welcome Coffee
14:30Benvenuto a cura di Enrico Cereda Presidente e Amministratore Delegato di IBM Italia
IBM Services per accelerare il percorso di trasformazione
Angelo Cirocco, General Manager Global Technology Services – IBM Italia
Rolando Neiger, General Manager Global Business Services – IBM Italia 

Ospite
Beatrice Venezi – Direttore d’orchestra, accompagnata da un quartetto d’archi 

Business Reinvention: le piattaforme di Business al centro
Eugenio Cervetto, Partner Global Business Services – IBM Italia
Raffaele Pullo , CTO Global Technology Services – IBM Italia

La capacità congiunta di IBM Services e Red Hat
Alessandro Fronte, Red Hat Synergy Leader – IBM Italia 

16:30Coffee Break
16.45Un viaggio di trasformazione da raccontare
Panel Clienti

Verso la Cognitive Enterprise: Culture Transformation e Process Transformation 
Daniele Langiu, Blockchain Managing Consultant – IBM Italia 
Laura Nalon, Talent & Engagement Manager – IBM Italia

Hybrid Cloud & Multicloud: piattaforme, tecnologie e servizi all’avanguardia 
Marco Sebastiani, Global Technology Services Cloud Leader – IBM Italia
Tiziana Tornaghi,  Partner Italy – CAI Leader – IBM Italia 

Esibizioni di “action painting”, espressionismo astratto
Il Pittore al contrario

18:15Cocktail
ModeraNicoletta Boldrini – Direttore ZeroUno
CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo
?>