La Commissione Europea «libera» la banda 3,4-3,8 GHz

La Commissione Europea ha raggiunto un accordo per l’utilizzo e l’armonizzazione delle frequenze nella banda 3,4-3,8 GHz all’interno degli…

Pubblicato il 01 Set 2008

La Commissione Europea ha raggiunto un accordo per
l’utilizzo e l’armonizzazione delle frequenze nella
banda 3,4-3,8 GHz all’interno degli stati membri. Questa
scelta avrà un impatto diretto su tutti gli operatori WiMAX che
hanno di recente acquistato le licenze per l’utilizzo di
queste frequenze.
Da gennaio 2012, infatti, secondo l’articolo 3
dell’accordo, gli Stati membri della Comunità Europea
dovranno permettere l’uso di questo spettro per le
comunicazioni fisse, mobili e nomadiche. Tuttavia tutte le
licenze europee per lo spettro 3,5 GHzne limitano il servizio e
sono pochi i paesi che prevedono l’uso di questa
banda per le connessioni mobili; inoltre solo in alcuni casi si
sta iniziando a predisporre le licenze per un tale
utilizzo.
La Commissione Europea sostiene, da molto tempo, l’uso
flessibile dello spettro di frequenze, permettendo così la
convergenza della telefonia mobile, fissa e della radiodiffusione
anche in roaming. L’obiettivo ultimo è fornire la
possibilità di utilizzare tali servizi allo stesso modo in tutti
gli stati membri della Comunità Europea, non solo nel proprio
Paese di residenza.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2