Azienda Ospedaliera di Legnano

Azienda Ospedaliera di Legnano

Medici e infermieri condividono i documenti dei pazienti con la Cartella Clinica Elettronica  

Pubblicato il 01 Giu 2009

dottori-pcross-141969-130318172831

L’Azienda Ospedaliera "Ospedale Civile di
Legnano", realtà di rilievo dell’area lombarda, ha
definito uno scenario di gestione del percorso del paziente in
ospedale (Cartella Clinica Elettronica, CCE) composto da
quattro moduli: assessment, order management, gestione del
diario (clinico e infermiersitico) e delle attività medico
infermieristiche, dimissione e follow- up. In tutti i reparti
delle quattro sedi ospedaliere aziendali sono stati attivati
due di questi quattro moduli: l’order management e la
dimissione – follow up.

Il percorso seguito per l’attivazione di questi due
moduli è partito da un pilota in 5 reparti scelti per la loro
rappresentatività all’interno dell’Azienda
Ospedaliera e decisi in seguito ad un incontro preliminare con
la Direzione Aziendale per la condivisione degli obiettivi. La
fase finale del progetto, durato 6-7 mesi, ha previsto
l’estensione delle funzionalità dei due moduli a tutti i
reparti. Tale percorso di implementazione verrà ora seguito
anche per i moduli restanti. L’approccio per la CCE è
quindi quello di avere una serie di componenti uguali
per tutti i reparti, andando poi a creare, laddove ce ne sia
bisogno, dei “folder” specifici, ma sempre comunque
riferiti e appartenenti alla

Cartella Clinica Elettronica aziendale.
L’utilizzo delle funzionalità di CCE in mobilità
avviene tramite notebook, forniti da Panasonic (Toughbook).
L’azienda ha, infatti, ricercato un unico strumento al
letto del paziente che potesse essere utilizzato sia dal
personale medico, (che preferisce usare la tastiera) sia dal
personale infermieristico più portato all'utilizzo di un
sistema touch screen. Nella scelta dei dispositivi hardware
hanno giocato un ruolo importante soprattutto le
caratteristiche di maneggevolezza, peso ridotto, elevata
autonomia, utilizzo di tastiera e touch screen.

Altre tecnologie utilizzate per supportare la mobilità
degli operatori sono il Wi-Fi e l’RFId. Le tecnologie di
identificazione in radiofrequenza sono attualmente già
utilizzate nell’Azienda per la gestione degli assets
informatici taggati con RFId passivo, ma sono previste altre
due introduzioni: per l'identificazione del paziente e per
la gestione della logistica del sangue. Le tecnologie Wi-Fi,
invece, sono attualmente a supporto dell’accoglienza,
della dimissione, del trasferimento e delle attività
dell’ambulatorio. Per il futuro si prevede
l’utilizzo anche a favore della gestione delle procedure
diagnostiche, della gestione del dossier clinico e della
farmacoterapia.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 2