L’americana Networkcar sceglie i moduli wireless M2m tedeschi | Internet 4 Things

Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Mobile App

L’americana Networkcar sceglie i moduli wireless M2m tedeschi

Networkcar, società interamente controllata dall’americana Hughes Telematica Inc,.è un fornitore leader di soluzioni wireless che combinano la...

Networkcar, società interamente controllata
dall’americana Hughes Telematica Inc,.è un fornitore
leader di soluzioni wireless che combinano la tecnologia
brevettata di sistemi di diagnostica a distanza con le
coordinate GPS per veicoli. Le soluzioni di questo tipo sono
comunemente denominate Automatic Vehicle Location (AVL) e
vengono utilizzate per la gestione della flotta, e quindi per
la riduzione e il controllo del consumo di carburante, le spese
di manutenzione e le emissioni dei veicoli. Networkcar ha anche
ricevuto nel 2006 un premio, Frost & Sullivan Technology
Innovation Award for Wireless, per l’attenzione dedicata
al problema delle emissioni inquinanti. La soluzione di fleet
management trova applicazione su flotte più o meno grandi e
fornisce un efficiente strumento per il controllo per la
gestione dei propri mezzi, grazie all’interfaccia
web-based.

Uno degli elementi particolarmente innovativi è proprio
il sistema di Networkfleet per il controllo delle emissioni
inquinanti, infatti la soluzione consente al gestore della
flotta di verificare costantemente le emissioni e i consumi
eliminando così il costo dei tagliandi di controllo delle
emissioni (smog check in California). Keith Schneider,
presidente della Networkcar, ha peraltro rinnovato da poco la
partnership con la tedesca Cinterion per la fornitura di moduli
wireless M2m, perfettamente compatibili con i precedenti
modelli, e per il supporto nella progettazione del
prodotto.

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo