L'UE taglia i costi roaming: quanto si risparmia parlando con l'estero | Internet 4 Things | Internet 4 Things

Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Mobile App

L'UE taglia i costi roaming: quanto si risparmia parlando con l'estero | Internet 4 Things

Scatta il primo luglio un nuovo taglio delle tariffe di roaming (cellulari all’estero), deciso dall’Unione Europea, e chissà se stavolta non...

Scatta il primo luglio un nuovo taglio delle tariffe di roaming
(cellulari all’estero), deciso dall’Unione Europea, e
chissà se stavolta non verrà qualche sorpresa, dagli operatori.
Si comincia infatti a vedere qualche reazione interessante,
diversa dalle solite proteste: Telefonica ha appena lanciato una
tariffa paneuropea per il traffico dati.

 

Va detto che questo nuovo taglio era già
nell’aria
, voluto com’era dalla Commissione
europea; ma solo a maggio ha ricevuto
l’approvazione dal Parlamento europeo
. A grande
maggioranza, per altro: 578 voti a favore, 10 contrari e 10
astensioni. Tutto lascia pensare quindi che la strada sarà in
discesa anche per la successiva votazione, a giugno, da parte del
Consiglio Ue.

 

Ecco perché tutti considerano già assodato il nuovo taglio:
il costo delle chiamate in uscita, in roaming
all’interno dell’UE, passerà a 29 centesimi
al minuto
(e a 19 centesimi dal luglio 2014), contro
l'attuale soglia massima di 30 centesimi. Anche gli
Sms saranno meno cari,
scendendo a 9 cent dagli attuali
11 (e a 6 centesimi dal primo luglio 2014).

 

Stavolta il taglio riguarda anche il traffico dati, il cui costo
non potrà superare i 70 centesimi a megabyte (scenderà poi a 45
centesimi nel 2013 e a 20 centesimi dal primo luglio 2014). Oggi
non c’è un limite per i costi di roaming dati.

 

WHITEPAPER
Data Strategy: quali sono le 3 fasi principali del processo di relazione con il cliente?
Business Analytics
Business Intelligence

Altra grossa novità di luglio, gli utenti potranno
comprare tariffe di roaming da operatori diversi dal proprio,
sulla stessa sim e numero di telefono
. Un po’
com’è stato possibile fare, per anni, con la carrier
selection e pre-selection su rete fissa.

 

Il taglio dei costi va visto come un rimedio diretto a costi
giudicati troppo alti dalle istituzioni europee. La possibilità
di attivare tariffe con operatori diversi è invece un rimedio
più sofisticato, per aprire il mercato: è la tipica mossa che
le autorità di regolamentazione fanno quando vedono un livello
di concorrenza insufficiente. Che è proprio quello di cui la
Commissione ha accusato gli operatori, sul fronte del roaming.
«Nel rispetto degli obiettivi previsti dalla strategia
Europa 2020 e dell'agenda digitale, ritengo necessario
contribuire allo sviluppo del mercato europeo delle
comunicazioni, rendendolo più competitivo e facilitando
l'accesso al mercato per i nuovi operatori», ha
commentato infatti anche l’europarlamentare Oreste Rossi.
La Commissione ritiene infatti che costi di roaming ridotti al
minimo faciliteranno il traffico transfrontaliero e quindi
l’economia europea.

Ma le istituzioni europee considerano anche l’aspetto
sociale: la gente è sempre meno disposta a rinunciare al
cellulare quando va in vacanza. Ed è vero per il 41 per cento di
italiani (risultati i più cellulari-dipendenti d’Europa),
secondo un recente sondaggio di Tripadvisor.it (con un campione
di 5 mila utenti europei, di cui 1.800 italiani). Il 61%
degli Italiani dichiara che le tariffe di roaming sono troppo
care per i turisti, rispetto al 22 per cento del 2011
.
Il 55% è costretto a disabilitare il data roaming. Il 31% ha
subito costi più alti del previsto, in vacanza. Non solo
turisti: i prezzi di roaming influenzano anche gli utenti
business, che viaggiano per lavoro. E tutto l’anno per
altro, mica solo d’estate.

La posizione dei principali operatori europei è stata
univoca, su questi aspetti: contraria alle imposizioni
dell’Europa. E riassumibile con un “lasciate fare al
mercato, vedrete che faremo calare i prezzi”. Vittorio
Colao, a capo di Vodafone, a febbraio aveva sostenuto che i tagli
del roaming mettevano i rischio le capacità degli operatori di
investire in infrastrutture e innovazione.

Così, può sembrare una (buona) svolta la notizia di
Telefonica: ha lanciato una tariffa da 2 euro al giorno per 25 MB
(abbastanza generosa), in Germania; entro l’estate, anche
in Spagna, Regno Unito, Irlanda, Repubblica Ceca e Slovacchia.
Insomma, invece di continuare a resistere ai tagli o a limitarsi
a rispettare le norme europee (come fatto finora da tutti gli
operatori), si vede un operatore che comincia ad applicare una
strategia d’avanguardia. Forse ormai i tempi erano maturi:
tanto che anche Swisscom- operatore svizzero e quindi non
sottoposto agli obblighi della Commissione- a maggio ha
annunciato un mega sconto, da luglio, su internet in
roaming.

Chissà, potrebbe essere l’inizio di una
nuova fase per il roaming, verso una piena concorrenza tra gli
operatori e tariffe alla portata di tutte le
tasche
.

                                                                                                                          
di Alessandro Longo

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo