L’open source è la nuova arma competitiva dei player tecnologici

Iplayer tecnologici sembrano orientarsi verso un modello open, a giudicare dalla raffica di recenti annunci che vanno in questa direzione. Adobe System Inc. ha…

Pubblicato il 01 Giu 2008

Iplayer tecnologici sembrano orientarsi verso un modello open, a
giudicare dalla raffica di recenti annunci che vanno in questa
direzione. Adobe System Inc. ha annunciato la rimozione dei costi
di licenza della sua piattaforma Flash Lite per terminali mobili.
Parallelamente a questa iniziativa la società ha comunicato
l’avvio dell’Open Screen Project, una partnership
siglata con alcune delle più importanti società del settore
(tra cui Arm, Cisco, Intel, Motorola, Nokia, Ntt DoCoMo e
Verizon) con lo scopo di favorire la diffusione delle tecnologia
Flash e, successivamente, di AIR (Adobe Integrated Runtime),
ambiente avanzato multi piattaforma (Flash, Flex, HTML,
JavaScript, Ajax) per la creazione e distribuzione di RIA (Rich
Internet Application) capace di sfruttare le reti wireless per
l’aggiornamento automatico nei dispositivi Mobile. Da una
di queste sinergie è intanto nata Capuchin, una tecnologia
sviluppata da Sony Ericsson, che consente di creare contenuti in
Flash (sfruttandone l’interfaccia user-friendly) e
inglobarli in applicazioni scritte in JavaME (usufruendo della
sua infrastruttura hardware).

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4