Rubriche - RFId

Gli USA spingono la tracciabilità del farmaco

La nuova normativa californiana sull’epedigree prevede, a partire dal biennio 2015- 2017, l’obbligatorietà di tale certificazione elettronica…

Pubblicato il 01 Apr 2009

rfid-pillole-138343-130318172702

La nuova normativa californiana sull’epedigree
prevede, a partire dal biennio 2015- 2017,
l’obbligatorietà di tale certificazione elettronica
volta a garantire la tracciabilità dei farmaci
all’interno della supply chain, con l’obiettivo di
combattere la contraffazione e l’adulterazione dei
medicinali.

Per non farsi trovare impreparati in caso di richieste da
parte dei propri clienti i Laboratori DPT, specializzati in
sviluppo e produzione di farmaci liquidi e semisolidi per
industrie farmaceutiche e biotecnologiche, stanno pianificando
un pilota con un loro cliente – Galderma, multinazionale
farmaceutica specializzata in soluzioni terapeutiche per
pazienti dermatologici.

Poiché l’adozione dell’e-pedigree richiede
la serializzazione degli item, ognuno dei quali deve essere
dotato di un ID unico, le tecnologie RFId, in quanto più
promet
tenti di altre, sono state scelte per la
sperimentazione; inoltre alcune case farmaceutiche hanno già
mostrato una certa propensione all’adozione
dell’RFId nel momento in cui l’e-pedigree dovesse
diventare mandatario. Il pilota riguarderà la tracciabilità
lungo tutto il processo di un solo prodotto Galderma
all’interno dello stabilimento di San Antonio.

Un tag, molto probabilmente conforme allo standard EPC
Global (Gen 2), sarà posto all’interno della scatola
contenente il prodotto. La lettura del tag avverrà lungo la
linea e i dati verranno utilizzati da un sistema di back-end
per la produzione del pedigree e la fatturazione. Al momento
del confezionamento in colli ognuno di questi sarà dotato a
sua volta di tag e di un suo identificativo a cui saranno
associate le informazioni relative ai singoli prodotti; lo
stesso avverrà per i pallet. In
questo modo si
vuole tracciare tutto il processo, fino alla consegna dei
prodotti al cliente.

Oltre a verificare l’efficacia dell’RFId per
la strutturazione di un sistema di e-pedigree il progetto
intende
sfruttare il vantaggio del controllo a
scatola chiusa – prerogativa delle sole tecnologie RFId –
e valutare eventuali altri benefici, ad esempio di ordine
logistico, per il produttore.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 3