Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Cloud

Sms in forte calo, scalzati dal dilagare del mobile internet. Citigroup: fenomeno inarrestabile

È cominciato il declino per un business che sembrava intramontabile e che per anni ha assicurato alti margini di profitto agli operatori mobili: gli sms. La causa è il successo di Internet mobile, degli smartphone e delle loro applicazioni, che consentono di comunicare in modo più ricco e, spesso, anche più economico  

È cominciato il declino per un business che sembrava
intramontabile e che per anni ha assicurato alti margini di
profitto agli operatori mobili: gli sms. I primi sintomi del
problema si sono manifestati con le ultime festività natalizie:
gli sms abitualmente hanno un’impennata in quel periodo,
per via degli auguri; ma stavolta è andata meno bene del solito.

 

Il calo è a due cifre percentuali, rispetto all’anno
precedente, per gli operatori europei; il record negativo è in
Finlandia (-22 per cento). Risulta da uno studio
Citigroup
, che anche spiega il
fenomeno
: la causa è il successo di internet mobile,
degli smartphone e delle loro applicazioni, che consentono di
comunicare in modo più ricco e, spesso, anche più economico
rispetto agli sms.

 

In un altro rapporto, la svizzera Swisscom ha segnalato un calo
del 7,5 per cento sul volume dei messaggi, nel periodo natalizio,
rispetto all’anno precedente. È presumibile che i
ricavi del mercato sms stiano calando in modo anche più
marcato
(anche se al momento non è stato ancora
rilevato il business sms degli ultimi mesi).

 

Gli operatori mobili infatti stanno cercando di contrastare il
fenomeno tramite tariffe flat, che includono un certo numero di
sms a fronte di una tariffa a forfait. Quelle più aggressive
sono nel Regno Unito e in Francia, dove ci sono offerte con sms
illimitati verso tutti i numeri di cellulare. Ancora nel 2010-
ultimi dati disponibili- gli operatori italiani hanno aumentato
del 2,8 per cento i ricavi da sms (a 2,23 miliardi di euro),
secondo Agcom (Autorità garante delle
comunicazioni). 

 

La crescita di social
network e Instant messaging

Il fenomeno però è inarrestabile e Citigroup prevede che,
inevitabilmente, i ricavi da sms- ora pari a un terzo di quelli
di un operatore mobile- saranno erosi a favore di internet.
Le applicazioni che stanno soppiantando l’uso degli
sms sono i social network e l’instant messaging
.
Applicazioni come Skype, Whatsapp; ma anche l’uso di
Twitter e Facebook su cellulare. Quest’ultimo vanta 7,5
milioni di italiani che lo usano in mobilità, in Italia.

WHITEPAPER
La guida per pianificare un Data Journey efficace
Big Data
Business Analytics

 

Ci si mette anche Apple: adesso permette di scambiare messaggi
gratuiti tra utenti iPhone, attraverso la rete internet. E, su
Wi-Fi, consente videochiamate gratuite. Gli utenti risparmiano,
perché un messaggio pesa pochissimo e quindi rientra comodamente
nel monte di traffico incluso nelle offerte internet su rete
mobile. È totalmente gratis, invece, nel caso di utilizzo su
Wi-Fi.

 

In più, l’esperienza è incomparabilmente migliore
rispetto agli sms: negli esempi citati è possibile
aggiungere alla chat foto, video
; entrare nel flusso
delle conversazioni degli amici dei social network è
incomparabile con lo scambio di un sms. Il vantaggio di
quest’ultimo è solo che permette di comunicare con
qualsiasi numero di cellulare; senza preoccuparsi si sapere se
l’altro utente ha un’applicazione adatta. Ma è un
vantaggio che tenderà a ridursi man mano che continueranno a
diffondersi gli smartphone.

 

Per gli operatori ora si apre una sfida: compensare con internet
e con nuovi servizi il previsto calo di ricavi tradizionali.
È certo che la vendita di traffico internet mobile è al
boom
. Anche in Italia, dove nel terzo trimestre 2011 si
contavano 18,1 milioni di sim con traffico internet, +9,8 per
cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente
(fonte: Agcom). L’incognita è se questo basterà alla
tenuta dei conti. L’ambizione degli operatori mobili resta
di non limitarsi alla vendita di traffico, ma aggiungerci anche
servizi a valore aggiunto.

 

Va in questa direzione la recente mossa Tim, di lanciare il
servizio Tim Cloud, che tra le altre cose mira a creare un
network di utenti Tim che comunicano e si scambiano foto, video e
musica.

 

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo