Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Cloud

4G, ecco le novità che ci aspettano nei prossimi mesi

Tutti gli operatori italiani hanno annunciato il lancio del servizio cellulare di nuova generazione, ma ci vorrà ancora qualche tempo per consolidare le offerte e avere una copertura significativa. Al momento sono disponibili chiavette e tablet, con nuovi servizi offerti in aggiunta alla connessione. Intanto l’UE prepara già il passo successivo

Gli operatori si preparano a settimane di graduale ma costante
lavoro per diffondere l’Lte (4G) in Italia e, su queste
nuove reti, sviluppare servizi nuovi per consumatori ed aziende.

Cambieranno molte cose, nei prossimi mesi: anche se ci sono già
stati i primi lanci Lte, bisognerà aspettare l’inizio del
2013 per entrare nel vivo della partita.

L’annuncio che più ci permette di capire l’orizzonte
temporale in cui si muoverà l’Lte è anche quello passato
più inosservato. Marco Patuano, amministratore delegato di
Telecom Italia, in una conferenza con gli analisti a novembre ha
dichiarato che la nuova rete di quarta generazione
coprirà il 40 per cento della popolazione entro il
2014
. È un investimento importante, per gli operatori,
che hanno già accantonato 3,9 miliardi di euro per le licenze
delle frequenze Lte. Telecom è il solo al momento a dichiarare
quanto spenderà ancora, per la rete: 500 milioni di euro nei
prossimi tre anni, solo per la parte radio, relativi apparati e
il core network.

Telecom Italia tira la volata

E Telecom al momento sembra l’operatore più aggressivo
sulla copertura: ha portato l’Lte a Roma, Milano, Torino e
Napoli e promette 20 città entro dicembre. Vodafone è a Roma e
Napoli e raggiungerà 20 città entro marzo. 3 Italia è partita
da Acuto (Frosinone) e arriverà a Roma e Milano entro il
prossimo mese.

Molto avverrà a dicembre, quindi. Un primo stadio di copertura,
nelle principali città italiane. Le prime offerte internet
mobile per smartphone (adesso ci sono solo per tablet e
chiavetta). Una spinta della concorrenza: l’ingresso di 3
Italia è sempre stato dirompente, portando in basso i prezzi.

È al 2013 che dobbiamo guardare però per un primo livello di
maturità dell’Lte. Da gennaio gli operatori
potranno usare le preziose frequenze 800 MHz
(finora
patrimonio esclusivo delle tv), mentre finora hanno
sviluppato l’Lte solo su quelle a 1800 MHz
.
L’anno prossimo scenderà in campo Wind, inoltre,
l’ultimo degli operatori mobili infrastrutturati a lanciare
i nuovi servizi. E allora la concorrenza sarà completa.

Il secondo definitivo livello di maturità dell’Lte
è previsto tra un anno o poco più
: quando il 4G
consentirà di fare anche le chiamate, oltre che la navigazione
su internet. Bisognerà aspettare, per questo, la tecnologia
VoLte (Voice over Lte). Al momento, quando un cellulare è su
rete Lte e deve fare una chiamata, si appoggia rapidamente sul 3G
(senza causare interruzione del segnale).

Un’offerta di servizi innovativi

WHITEPAPER
Come semplificare il sistema di gestione delle identità digitali?
Sicurezza
IAM

Anche per i servizi dobbiamo aspettarci un’analoga roadmap
evolutiva. Adesso abbiamo avuto un primo assaggio, da Vodafone e
da Telecom. Nei pacchetti Lte, oltre a includere internet mobile
e un dispositivo (tablet, chiavetta), hanno inserito servizi che
sfruttano la nuova rete: cloud storage per archiviare i propri
dati personali, accesso streaming o download di film, musica.

Gli operatori hanno stabilito che il traffico generato da questi
servizi non concorre a consumare la quota di GB internet mobile
inclusa nel canone. È una formula commerciale utile a
sottolineare la natura extra dei servizi aggiuntivi, rispetto
alla normale internet.

I prossimi passi sono già scritti. Gli operatori stanno già
lavorando a offerte per le aziende e qui potranno sbizzarrirsi,
grazie alle caratteristiche tecniche peculiari della nuova rete:
una velocità dieci volte superiore rispetto al 3G, una latenza
pari a quella dell’Lte, la possibilità di gestire classi
di servizio e quindi di garantire quantitativi di banda diversi
per specifici utenti o applicazioni. Il risultato di
questo mix è abilitare servizi aziendali che finora hanno
trovato spazio solo su rete fissa
. Per esempio,
videoconferenze mobili con sistemi di collaboration real time.

La forza vendita potrà avere un accesso mobile garantito ai
database di clienti, fornitori, offerte ospitati sui server
aziendali.

L’UE pensa già al futuro

Le condizioni di base sono già pronte, per questi sviluppi.
Salvo imprevisti, al momento improbabili, nel 2013 saranno
disponibili tutte le frequenze aggiudicate dagli operatori
all’asta (800 MHz e 2.6 GHz, oltre alle 1800 MHz).

Basteranno per circa tre anni, ma la Commissione europea già
pensa al futuro. Per esempio, a novembre ha stabilito
l’obbligo, per i Paesi EU, di rendere disponibili per
l’Lte 120 MHz di spettro intorno ai 2 GHz, entro il 30
giugno 2014. Sono frequenze ora assegnate al 3G.

Gli operatori saranno insomma liberi di gestire le proprie
risorse spettrali con maggiore libertà, per il 3G o il 4G a
seconda delle diverse esigenze.

La tendenza, voluta dall’Europa, è di abbattere
sempre più barriere normative che finora hanno regolato
l’uso dello spettro e così dare alle nuove reti internet
mobili tutto lo spazio di cui hanno bisogno
.

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo