Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.IoT Library

IoT, Vodafone entra nel mercato consumer: nasce V by Vodafone

Il gruppo annuncia il lancio di nuovi prodotti B2C per l'Internet of Things: dispositivo per l’auto, videocamera 4G, tracker per animali e valigie. In arrivo anche un marketplace per gli sviluppatori

Vodafone lancia V by Vodafone ed entra nel mercato consumer dell’Internet of Things, con l’obiettivo di consentire ai clienti di connettere milioni di prodotti per il tempo libero e la casa alla piattaforma di connettività IoT del Gruppo Vodafone. La compagnia di telecomunicazioni la definisce un “ecosistema che consente di connettere e gestire una varietà di oggetti IoT, tra cui un dispositivo per l’auto, una videocamera 4G, un tracker per gli animali domestici e uno per oggetti come borse e valigie”.

L’ingresso nell’universo consumer dell’Internet of Things arriva dopo l’esperienza acquisita negli anni nel mondo enterprise, in cui conta oltre 59 milioni di oggetti connessi e una piattaforma per la gestione di diverse soluzioni in molteplici settori con un approccio legato alla centralità dei dati e all’utilizzo di Big Data. Gli analisti stimano che entro il 2020 saranno oltre 370 milioni gli oggetti di elettronica di consumo e smart home in grado di connettersi alle reti IoT nei Paesi in cui Vodafone è presente, rispetto ai 50 milioni di oggi.

Vittorio Colao, ceo del Gruppo Vodafone

“L’Internet delle cose ha già iniziato a modificare il modo di fare business. Nei prossimi dieci anni, l’espansione dell’IoT nel mercato Consumer comporterà un cambiamento altrettanto radicale nel modo di vivere delle persone, nelle loro case e nel tempo libero – spiega Vittorio Colao, ceo del Gruppo Vodafone -. V by Vodafone rende semplice la connessione di un’ampia gamma di prodotti, per la sicurezza delle persone e delle cose a cui i clienti tengono. Il nostro obiettivo è mettere a disposizione delle persone la nostra esperienza e leadership globale nell’IoT per consentire loro di vivere pienamente la prossima fase della rivoluzione digitale”.

Sim, app e molto altro: tutte le novità IoT di Vodafone

V-Pet by Vodafone

Il lancio di V by Vodafone comprende una serie di strumenti che promettono di abilitare le nuove frontiere dell’IoT. A partire dalla V-Sim, cioè una Sim specificatamente pensata per essere utilizzata all’interno di oggetti connessi, da oggi in dotazione con ciascun prodotto della linea V by Vodafone (dal prossimo anno sarà acquistabile anche singolarmente e presso altri rivenditori). Non poteva mancare l’applicazione per smartphone, che consente di gestire attraverso un’unica interfaccia tutte le V-Sim dei propri dispositivi IoT in modo semplice e intuitivo. Per attivare i prodotti, spiega Vodafone, basta inquadrare il QR code presente sulla confezione, selezionare il pagamento, e associare il prodotto alla propria SIM Vodafone Consumer.

A sostenere questo ecosistema connesso sarà ovviamente la rete Vodafone per l’IoT che permetterà ai dispositivi connessi di contare su una connessione stabile, ovunque si trovi il segnale di rete mobile, e quindi su performance migliori di quelle garantite ai dispositivi funzionanti tramite wi-fi. Ci sono poi un unico piano tariffario, calcolato in base alla tipologia di oggetto da connettere con addebito su un’unica fattura e senza costi aggiuntivi, e un marketplace per gli sviluppatori IoT che vedrà la luce il prossimo anno.

Dall’auto alla valigia, il nuovo portafoglio IoT della telco

La linea di prodotti V by Vodafone è stata sviluppata tenendo conto di ricerche di mercato che hanno coinvolto oltre 15 mila clienti in Germania, Italia, Spagna e Regno Unito. I primi quattro prodotti V by Vodafone presentati in occasione del lancio sono V-Auto by Vodafone, V-Bag by Vodafone, V-Camera by Vodafone e V-Pet by Vodafone. Altre categorie seguiranno nel 2018. Tutti i prodotti V by Vodafone possono essere acquistati dai clienti Vodafone da oggi nei negozi Vodafone selezionati in Italia, Germania, Spagna e Regno Unito, o online al sito v.vodafone.com.

V Auto by Vodafone

V-Auto by Vodafone utilizza la stessa tecnologia IoT sviluppata da Vodafone per connettere alcuni modelli d’auto delle principali case automobilistiche. Il dispositivo “Plug & Drive” è compatibile con i principali modelli di auto prodotti dal 2002 in Europa. Il dispositivo “V Auto by Vodafone” può essere installato e configurato nella macchina in pochi secondi, direttamente dal cliente. Una volta connesso, V-Auto by Vodafone consente di accedere alla chiamata Sos per ricevere aiuto in caso di emergenza o di incidente (la stessa tipologia di funzionalita’ dell’eCall che nel 2018 diventerà obbligatorio per tutte le auto vendute in Europa), alla funzione “Trova la mia auto ”, per geo localizzare e monitorare la posizione del proprio veicolo, e al “Livello di sicurezza della guida ”, un punteggio che consente al guidatore di controllare e valutare il proprio stile guida per ogni percorso, con l’obiettivo di migliorare e rendere più sicuro e sostenibile il proprio modo di guidare.

V-Camera by Vodafone

V-Camera by Vodafone è invece la video camera di sicurezza in alta definizione che si connette in automatico alla rete Vodafone. Grazie ad essa, i clienti potranno monitorare e registrare da remoto qualsiasi luogo coperto da rete 3G e 4G. Ci sono poi V-Pet by Vodafone, il tracker per animali domestici che consente di monitorarne la posizione, i movimenti e lo stato di attività e V-Bag by Vodafone (nella foto di copertina), il tracker per valigie, borse a mano e zaini pensato per ridurre il rischio di furti e smarrimento. Anche in questo caso, è possibile impostare una o più aree entro le quali la borsa può essere spostata, ricevendo degli alert nel caso in cui queste fossero oltrepassate.

Open Innovation
Il colosso internazionale dell’agrifood da un decennio sperimenta i benefici dell’innovazione open e condivisa e i suoi manager sono convinti di...
29 novembre 2016