Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.IoT Library

Da New York a Roma: Integris usa IoT, AI e Analytics per la preparazione degli Smart Runners

Dopo la maratona di New York, Daniele Meucci e gli Integris Smart Runners tornano di nuovo in pista per la Maratona capitolina. E scrivono una nuova pagina della storia del connubio tra IoT, Ai, Analytics e Sport

Che tra la tecnologia e lo sport ci sia del buon feeling è cosa da tempo risaputa.
Soprattutto, negli ultimi tempi, la combinazione di strumenti tecnologici e prestazioni atletiche si è  diffusa a un numero sempre maggiore di sport – dal football al basket, dal golf al tennis – e, quel che più conta, a un numero crescente di utilizzatori.

Le tecnologie che entrano in campo (è proprio il caso di dirlo) nel mondo dello sport e dell’agonismo sono soprattutto Internet of Things, Data Analytics, Intelligenza Artificiale.

Dai sensori ai materiali intelligenti

Per quanto riguarda il mondo IoT, non basta pensare ai palloni sensorizzati che raccolgono dati nel basket o nel football americano, ai chip installati sui manici delle racchette da tennis, ai GPS che aiutano i giocatori di golf, o ancora alle fitness band o alle smart shoes.
Servono anche infrastrutture adeguate, edge computing in primis, per la prima elaborazione dei dati raccolti, da inviare poi in cloud per processi analitici più complessi, così come serve anche lo studio sui nuovi materiali, come le fibre intelligenti, con i quali realizzare non solo le attrezzature sportive ma anche l’abbigliamento che gli atleti indossano in allenamento e in gara.

Da New York a Roma: la fase 2 del progetto Integris

integris - daniele meucci

Questo speciale connubio tra tecnologia e sport è al centro di un progetto che vede coinvolta da un lato Integris, azienda specializzata nello sviluppo di soluzioni di data analytics e cognitive computing con sedi a Roma, Pisa, Rende (Cosenza) e Milano, dall’altro un gruppo di runner guidati da Daniele Meucci, maratoneta e mezzofondista italiano.

Della prima fase di questo progetto abbiamo avuto già modo di scrivere qualche mese fa, raccontando il percorso di preparazione del team per la Maratona di New York.
Ora siamo arrivati allo step successivo e Meucci e gli Integris Smart Runners sono nella fase finale del percorso preparatorio alla Maratona di Roma, in programma per il prossimo 7 aprile.
Se a New York gli atleti avevano indossato set di indumenti intelligenti (magliette, calzini e cavigliere), in grado di monitorare una serie di parametri sia tecnici sia fisici, per la maratona capitolina la novità è rappresentata da un nuovo sensore, Runscribe Footpod, che si allaccia alla stringa della scarpa. Si tratta di un sensore di movimento a nove assi, che rileva velocità e distanza e misura l’efficienza e gli shock della corsa.

Naturalmente, tutti i dati raccolti tutti i dispositivi e indumenti indossati dagli atleti vanno a costituire un data set, sul quale i data scientist di Integris effettuano analisi che consentono sia di tenere sotto controllo lo stato di preparazione e di forma atletica dei runner, ma anche di prevedere e prevenire possibili shock e infortuni e di definire, grazie all’intelligenza artificiale, la prestazione che ciascun atleta potrà esprimere al momento della gara.

Leggi la storia completa a questo indirizzo

Leggi l’approfondimento a questo indirizzo

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo
?>