Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.IoT Library

Al via una partnership Arm-Vodafone per ridurre la complessità dell'IoT

L'obiettivo finale della partnership tra Vodafone e Arm sul fronte IoT sarà quello di eliminare la necessità dell'utilizzo delle SIM nei dispositivi per l'IoT

Due nomi di peso del mondo ICT hanno stretto un importante accordo di collaborazione sul fronte IoT: stiamo parlando di Vodafone e Arm, che collaboreranno per aiutare le aziende a ridurre la complessità dei progetti in questo ambito. Più precisamente, la partnership tra i due Gruppi ha l’obiettivo di semplificare le fasi, i costi di implementazione e il provisioning da remoto delle soluzioni IoT, grazie all’impiego di iSIM, software IoT e servizi di rete. Al centro della partnership ci sono da una parte la connettività e la piattaforma globale IoT di Vodafone e, dall’altra, i software e i servizi IoT di Arm: questa abbinata si propone di offrire alle aziende sistemi programmabili e connessi grazie a chips che eliminano la necessità delle tradizionali SIM. L’obiettivo finale è quello di consentire ai clienti di implementare in modo sicuro e gestire da remoto un elevato numero di dispositivi IoT su scala globale, con costi e complessità minori.

 

Da un punto di visto tecnico, la partnership Arm-Vodafone renderà possibile abilitare il provisioning da remoto di dispositivi che utilizzano tecnologie Narrow Band-IoT (NB-IoT) e Long Term Evolution for Machines (LTE-M), in modo da garantire uno sviluppo sicuro, aperto e basato su standard certificati a qualsiasi fornitore di applicazioni e servizi.  Non solo: secondo i due gruppi, sarà possibile estendere la gamma di oggetti che possono essere collegati alla rete. Tra gli esempi citati c’è l’utilizzo di dati ricavati da sensori o dispositivi, che aiuterà ad affrontare le sfide nel campo della nutrizione, migliorando le rese dell’agricoltura e degli allevamenti e riducendo il consumo di sostanze chimiche e dell’acqua. Oppure la possibilità per le utility di gestire in modo più efficiente le scarse risorse come acqua, gas ed elettricità e di ridurre le emissioni di carbonio.

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo
?>