Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK
CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

Connected Products: Hyundai e Cisco collaborano nel segno delle Software Defined Cars

Una collaborazione importante quella tra Hyundai e Cisco: il paradigma dell'auto Software Defined si gioca nel segno della connettività

La notizia della loro collaborazione era stata data lo scorso all’inizio del mese di gennaio, in occasione del CES di Las Vegas. In questi giorni, al Salon de l’Auto di Ginevra, questa collaborazione comincia a mostrarsi nella sua concretezza.
Cisco e Hyundai hanno infatti unito le rispettive competenze con l’obiettivo di sviluppare le prossima generazione di auto iperconnesse, che Hyundai intende introdurre sul mercato a partire dal 2019.
Si tratta, in realtà, di una intesa che porta nella fase esecutiva un piano del 2016, nel quale le due società si erano trovate unite nell’idea di sviluppare un veicolo con un nuovo approccio alla comunicazione, partendo da una piattaforma sicura e coniugando per l’appunto le reciproche competenze nell’ambito del networking e dell’automotive.

L’iperconnettività è la base delle auto Software Defined

Si tratta di una piattaforma che, letteralmente, porta l’innovazione direttamente nella macchina: configurabile, sicura, pensata per abilitare nuovi servizi, anche grazie alla sua configurabilità in modalità OTA – over the air, che dunque accelera il tempo di delivery delle nuove funzionalità.
Non si parla di autonomous driving, o per lo meno non ancora.
Si parla, questo sì, di Software Defined Vehicle e di una architettura abilitante progettata nella logica delle tecnologie adattive. Una architettura che offre sicurezza integrata e multilivello, networking end-to-end in grado di gestire tutta la sensoristica e che è in grado di supportare nuovi servizi ad alta velocità grazie a un layer di integrazione tra il software e l’hardware proprietario.
Si parla, soprattutto, di una banda da 1Gbps Ethernet direttamente nel veicolo, con servizi IP ed Ethernet per connettere dispositivi e servizi.
Si parla di standard.
Si parla di scalabilità.

Da Las Vegas a Ginevra la collaborazione tra Cisco e Hyundai prende forma

Se al CES di Las Vegas Hyundai e Cisco avevano presentato il loro piano dei lavori, al Salone di Ginevra Hyundai ha fatto il passo in più presentando il suo primo cruscotto personale intelligente, nel quale sono integrate tecnologie di ultima generazione, dall’IoT all’Intelligenza Artificiale passando per la biometria per la rilevazione dello stato psico-fisico del guidatore.
Ma c’è di più.
Proprio in ragione dell’attenzione dedicata a tutta la componente di networking, sono state integrate funzionalità Car-to-Home. Questo significa che i comandi vocali non si limitano alla gestione della strumentazione all’interno della macchina o ad attivare servizi di infotainment, ma arrivano fino alla regolazione delle luci di casa o al “continuous streaming” musicale dall’auto al salotto.

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 giugno 2017