Partnership

Fanuc Italia entra nel CIM4.0 per supportare la transizione digitale 4.0

Aderendo alla mission del CIM4.0, come spiega il Managing Director Marco Delaini, Fanuc Italia vuole investire nella valorizzazione del “genio manifatturiero italiano” e consentire alle imprese locali di resistere ai diversi scenari economici, grazie all’automazione e robotizzazione 

Pubblicato il 15 Giu 2022

Fanuc CIM4.0

Con l’obiettivo di offrire il miglior supporto possibile alle piccole e medie imprese italiane in tema di trasferimento tecnologico e digitalizzazione di processi e prodotti innovativi, il CIM4.0 ha attivato diverse collaborazioni strategiche coinvolgendo player industriali di rilevanza internazionale. Tra queste, come Top Player nel campo della robotica, Fanuc Italia, società leader mondiale nell’automazione industriale, viene accolta come Activity Partner nel Competence Center Nazionale in una sinergia che garantirà alle PMI l’utilizzo di un cruscotto di tecnologie e soluzioni altamente evolute nell’ambito dell’industria manifatturiera.

“Automazione integrata, connettività, sistemi intelligenti e semplicità di interfacciamento tra uomini e macchine sono temi caldi, oggi, nel mondo dell’industria” afferma Marco Delaini, Managing Director di FANUC Italia “Non rappresentano soltanto il futuro, sono già una realtà che FANUC, con le sue soluzioni tecnologiche all’avanguardia e alla portata di tutti, vuole contribuire a diffondere presso le realtà imprenditoriali del territorio italiano”.  

Aderendo alla mission del CIM4.0 Competence Center, Fanuc, come spiega Delaini, vuole investire nella valorizzazione del “genio manifatturiero italiano” e consentire alle imprese locali di resistere ai diversi scenari economici, grazie all’automazione e robotizzazione. “Per rimanere competitive, infatti, le industrie hanno la necessità di produrre quantità di beni variabili garantendo la massima qualità. E spesso gli investimenti in automazione si ripagano in meno di 1 anno, questo perché consentono di ridurre tempo ciclo o estendere la produzione da uno a due o tre turni” conclude Delaini.  

“La nostra compagine si arricchisce di un nuovo tassello dal carattere fortemente innovativo, rafforzando la nostra mission di offrire alle PMI italiane un supporto sempre più completo e sostenibile rispetto alle grandi opportunità legate alla transizione digitale 4.0″ aggiunge Enrico Pisino, CEO del CIM4.0.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4