Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Automotive

Auto connesse, come garantire sicurezza e sviluppo

Tutelare sia la sicurezza sia l’utilizzabilità dei dati per migliorare i servizi: ecco la sfida dell'automotive che si muove in uno scenario sempre più connesso. L'Italia alla prova delle normative

L’Italia si avvia verso la definizione di standard tecnologici comuni per hardware e software per la raccolta, gestione e utilizzo dei dati dei veicoli connessi a internet.
Va detto che al momento, nel settore dell’automotive sono effettivamente  molte le incognite di tipo regolatorio e tecnico, legate alla tutela della privacy, alla sicurezza dei mezzi e delle persone, all’uso delle tecnologie on-board ed on-road e più in generale alle applicazioni dell’Internet of Things all’auto.
Da un lato per l’anno in corso la legge di stabilità ha previsto uno stanziamento di 1 milione di euro per le sperimentazioni su strada della guida autonoma, dall’altro l’articolo 1 comma 20 della legge n. 124/2017 rimanda specificamente ai  sistemi di gestione delle emergenze e ai meccanismi equivalenti istallati a bordo dei veicoli,  specificando che i criteri di progettazione, fabbricazione ed istallazione, anche successiva alla prima immatricolazione del veicolo, devono essere definiti dal Ministero dell’Infrastrutture e Trasporti, di concerto con il Ministero dello sviluppo economico.

Quali rischi non sottovalutare nell’automotive sempre più connesso

Un esempio su tutti che aiuta a comprendere i rischi da non sottovalutare: la possibilità, non certo fantascientifica, di accedere alla rete di comunicazione interna dell’auto e prendere il controllo di acceleratore, freno, cambio e elettronica di bordo e causare un incidente.

Affinché il mercato delle auto connesse raggiunga il suo pieno potenziale, tutelando sia la sicurezza sia l’utilizzabilità dei dati, occorre quindi che gli attori coinvolti – istituzioni, industria automobilistica, operatori mobili e produttori dell’indotto – collaborino alla definizione di architetture scalabili, sicure ed interoperabili, ma allo stesso tempo flessibili e sostenibili.

Leggi su agendadigitale.eu il quadro completo: https://www.agendadigitale.eu/smart-city/sicurezza-delle-auto-connesse-le-sfide-e-gli-scenari-normativi-in-italia/

 

CATEGORIE:

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 giugno 2017