Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Cloud

Come ridisegnare la Supply Chain con l’aiuto di IoT e Cloud

Grazie a sensori, tag Rfid e tracciatori GPS, la Supply Chain si trasforma per permettere un’integrazione ancora più stretta con i partner. Quali sono gli strumenti disponibili in Cloud che permettono di presidiare al meglio tutti gli aspetti logitistici e finanziari

La Supply Chain è sempre più connessa e integrata. È, infatti, proprio da quest’area che spesso prendono il via i progetti di digital transformation delle aziende. Molte aziende in passato hanno dislocato la produzione in paesi lontani dai mercati principali (per renderla più economica), razionalizzato la logistica, integrato i partner di filiera e applicato i principi di lean manufacturing snellendo in maniera considerevole i processi produttivi. E per garantire una gestione centralizzata di tutte queste attività hanno adottato soluzioni di Supply Chain Management che hanno contribuito a migliorare le relazioni con i partner di filiera.

Oggi, però, grazie alla Internet of Things e al Cloud è possibile andare oltre, per rendere la catena della fornitura sempre più efficiente e intelligente, con l’aiuto di Big Data e Analytics.

Come rendere la Supply Chain intelligente e ancora più collaborativa

Nella Supply Chain intelligente, infatti, controller e sensori disseminati tra la linea di produzione, il magazzino e i container utilizzati per le spedizioni generano un flusso continuo di dati. Tag Rfid e tracciatori GPS coprono il percorso seguito dai prodotti, dalla materia prima allo scaffale del punto vendita.

I sistemi legacy che supportano le applicazioni di gestione del magazzino, l’ERP, i sistemi di evasione degli ordini, tuttavia, difficilmente si integrano tra loro. Oggi, però, il Cloud permette di superare i limiti delle infrastrutture tradizionali per garantire una vista integrata e unica su tutta la Supply Chain. Merito dei data center in Cloud, che permettono di immagazzinare e rielaborare grosse quantità di dati e generare insight utili a comprendere come rendere più agile ed efficiente la catena della fornitura.

Trasformare i tradizionali schemi di Supply Chain, che si basano su processi supportati dall’IT, in modelli digitali più collaborativi è un’impresa sfidante, che oggi è agevolata grazie ai nuovi modelli infrastrutturali flessibili abilitati dalla nuvola.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

Trasformare la Supply Chain in una rete di fornitura digitale Il contesto competitivo delle aziende moderne è molto dinamico. Le esigenze tecnologiche e di business cambiano in modo repentino e nuovi bisogni emergono quotidianamente. E quelle che fino a qualche anno fa erano stime e approssimazioni sui ritmi della produzione diventano informazioni puntuali e sempre aggiornate in real time.  Poiché ogni business, oggi, è un business digitale, occorre ridisegnare la Supply Chain trasformandola in una rete di fornitura digitale, che unisce non solo i flussi fisici di prodotto e servizi, ma anche i flussi finanziari e quelli informativi.

I tempi di produzione, il costo in un dato istante delle materie prime, i dati sulla disponibilità dei prodotti da parte dei fornitori, le stime sui tempi di spedizione possono essere più accurate e puntuali e garantire all’azienda risparmi anche molto consistenti. Tutte queste informazioni, se correttamente aggregate e correlate, infatti, offrono alle organizzazioni lo spazio per indirizzare al meglio la domanda e ottimizzare le strategie di acquisto di materie prime e componenti.

Il valore di un Supply Chain Planning intelligente

I servizi Oracle per la gestione integrata della supply chain (Oracle Supply Chain Management Cloud, che comprendono Oracle Order Management Cloud Service e Oracle Global Order Promising Cloud Service) permettono alle aziende di ottimizzare l’evasione ordini dalla quotazione al pagamento, standardizzando i processi relativi. L’integrazione con Oracle Financial Cloud e Oracle Inventory and Cost Management Cloud assicura una gestione centralizzata di tutti gli aspetti relativi alle vendite, all’evasione degli ordini, alla gestione dei flussi di materiali e di inventario e agli aspetti finanziari a questi collegati.

Le soluzioni di Supply Chain Management nel Cloud di Oracle aiutano le aziende a prevenire il problema dell’out-of-stock (l’indisponibilità dei prodotti richiesti dai clienti) attraverso una gestione omnicanale degli ordini e funzionalità di Supply Chain Planning intelligente. Questo permette di migliorare la soddisfazione dei clienti minimizzando contemporaneamente i costi di evasione e spedizione degli ordini.

Red Reply, partner di Oracle, ha maturato negli anni una profonda conoscenza delle tecnologie Cloud della società californiana e vanta un’esperienza consolidata sulla revisione dei processi coinvolti nella Supply Chain. Le aziende che intendono migliorare l’integrazione con i partner di filiera che si rivolgono a Red Reply potranno quindi contare su un’offerta completa che include tecnologia all’avanguardia e scalabile (utilizzabile in modalità pay-per-use) e competenze di integrazione di alto livello.

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo