Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Cloud

Oracle: un cloud sicuro e personalizzabile per raggiungere gli obiettivi di business

Nel corso del Cloud Innovation Day di Roma Oracle ha ribadito la sua strategia: un cloud irrobustito da massicce dosi di sicurezza e intelligenza artificiale per permettere la migrazione delle infrastrutture critiche dei clienti

Il cloud è ormai l’orizzonte tecnologico di Oracle, azienda che è si è sviluppata attorno al business dei suoi database on premise, ma che negli ultimi anni è stata capace di mettere in atto una importante svolta in questo senso. La conferma di questa strategia si è avuta nel corso del Cloud Innovation Day di Roma, in cui la multinazionale USA ha illustrato la sua articolata strategia al suo pubblico di clienti. Come ha messo in luce Alessandro Ippolito Country technology sales leader di Oracle Italia, la chiave per distinguersi nella sempre più affollata arena competitiva del cloud è chiara: “L’elemento chiave del nostro cloud è una capacità di performance elevata che si accompagna a una sicurezza integrata dall’infrastruttura sino al software, end to end, un fattore che ci consente di ospitare le infrastrutture critiche dei clienti. Un altro punto importante che ci contraddistingue è la capacità di integrazione: nel momento in cui i clienti vanno verso il cloud occorre concentrarsi su tutte quelle tematiche che realmente si trovano sul campo. Mi riferisco alla necessità di integrazione tra cloud e on premise, all’integrazione orizzontale tra i diversi tipi di cloud su cui le aziende multicloud fanno riferimento, ma anche alla possibilità di integrare le applicazioni cloud per renderle più vicine alle esigenze dei clienti. Alcune funzionalità standard del cloud possono e devono essere estese per favorire il successo del cliente”.

 

Sicurezza al centro del cloud

Con il suo Cloud Gen 2, Oracle può mettere sul campo una grande varietà di applicazioni Saas, caratterizzate per l’appunto da una grande attenzione all’aspetto della sicurezza e con delle performance garantite, arricchite da massicce dosi di machine learning e intelligenza artificiale. Senza dimenticare il mondo che ha fatto la fortuna di Oracle, ovvero il database: la formula è quella di semplificare e automatizzare tutta una serie di attività, semplificando ed eliminando gli errori, aumentando la sicurezza a livelli elevati (grazie ad esempio alle patch garantite) e senza interruzioni di servizio. “L’approccio cloud è economicamente sostenibile, ma clienti stanno percependone i vantaggi in termini di velocità e semplicità, ad esempio la capacità di non essere più legati ai cicli di aggiornamento”, ha evidenziato Ippolito. Tra i casi di successo citati in occasione del Cloud Innovation Day c’è Mapei, che ha da tempo iniziato un percorso di avvicinamento verso il cloud, avviando con Oracle importanti progetti in ambito Finance e HR. Oppure Banca Iccrea che, anche per rispondere al suo improvviso ingrandimento, ha avviato un percorso di migrazione verso la nuvola in tempi rapidi. Come ha raccontato Giuseppe Cardillo Responsabile Operations di ICCREA: “L’implementazione del Cloud con Oracle è stata semplice e veloce e soprattutto ci ha aiutato a rispondere a un’esigenza fondamentale nel nostro settore bancario: quella della sicurezza dei dati”.

 

Capacità di integrazione e consulenza

La sensazione di Oracle è che in Italia quasi tutti i settori si stiano muovendo in maniera efficace sulla trasformazione digitale, seppure in modalità diverse ma con la stessa necessità di essere più veloci e pronti alle esigenze di mercato. “Per essere rilevanti non basta l’innovazione tecnologica, deve esserci una forte capacità di consulenza. Bisogna capire quale sia il modo migliore per portare l’innovazione dove vuole cliente”, mette in evidenza Ippolito. In questo senso, la sfida che Oracle raccoglie è quella non soltanto di puntare sulla tecnologia in sé ma anche di riuscire a inserire effettivamente questa innovazione all’interno dei processi di business, così da permettere ai clienti di raccogliere con successo le sfide poste dalla Digital Transformation.

CATEGORIE:
Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo