Anche la borraccia si fa smart ed è stampata in 3D | Internet 4 Things

Direttore Responsabile: Maria Teresa Della Mura

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Maria Teresa Della Mura

.Stampa 3D (3D Printing)

Anche la borraccia si fa smart ed è stampata in 3D

Si tratta di una borraccia multifunzionale in grado di purificare l'acqua in 60 secondi tramite LED ultravioletti, che si trasforma in torcia, lanterna o dispositivo di segnalazione e dispone inoltre di un power bank integrato. L'invenzione è di idea3Di che ha usato la stampa 3D stereolitografica (SLA) di Formlabs

iUVì è una borraccia smart multifunzionale in grado di purificare l’acqua in 60 secondi tramite LED ultravioletti, che si trasforma in torcia, lanterna o dispositivo di segnalazione e che dispone di un power bank integrato.

E’ l’ultima invenzione di due giovani designer amanti della natura, Damiano Iannini e Ferdinando Petrella, che hanno fondato idea3Di nel 2014 per sviluppare prodotti nuovi basati su tecnologie innovative.

Tra i primi progetti: Geizeer, un refrigeratore da tavolo compatto ed ecologico, e Levia, una lampada a LED in marmo a levitazione magnetica. In tutti i casi, i due artigiani digitali si sono rivolti al crowdfunding per acquisire fondi e coprire i costi del primo lotto del prodotto finale.

 

iUVì a un passo dalla produzione su larga scala

Nel caso di iUVì, l’intenzione era creare un dispositivo in grado di sostituire più oggetti nello zaino degli escursionisti. Dopo aver ideato il design, per stampare i primi prototipi si è scelta una stampante 3D di modellazione a deposizione fusa (FDM), per poi rivolgersi alla stampa 3D stereolitografica (SLA) di Formlabs, azienda statunitense che sviluppa e commercializza stampanti 3D.

WHITEPAPER
Ecobonus 110%: pishing, legge in vigore, dove viene applicato. Scopri di più
Utility/Energy
Energie Rinnovabili

La SLA permette di ottenere prototipi meccanici ed estetici più accurati e il più vicino possibile ad un prodotto finale fabbricato con apparecchiature per la produzione tradizionali. Infatti, come spiega Petrella questa tecnica consente di ottenere le giuste tolleranze e altri vantaggi impossibili da ottenere con la stampa FDM. E poi tutte le parti ottenute sono facili da rifinire e verniciare, non essendoci strati sulle parti. 

Il progetto finale, realizzato in un’ora e mezza circa, è un oggetto piacevole e funzionale, costituito dalla borraccia trasparente e dal tappo scuro, composto da cinque parti in plastica, dai componenti elettronici interni e da una batteria. Per il tappo, i designer hanno utilizzato la Black Resin, mentre hanno stampato la borraccia con la Clear Resin.

Cloud
Dai dati dell'Osservatorio Industria 4.0 la fotografia dell'I4.0 nel nostro paese: con Industrial IoT e Analytics che trascinano il mercato, con il...
23 Giugno 2017
Vai all'articolo