Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Smart Manufacturing

Smart working, l’automazione intelligente nelle imprese europee

Secondo uno studio di ServiceNow sullo “stato del lavoro” in aziende con oltre 500 dipendenti, le attività di routine saranno sempre più automatizzate. Anche in Europa, chi adotterà sistemi avanzati avrà maggiori possibilità di veder crescere il proprio fatturato

Automazione, avanti tutta! Secondo la ricerca “Today’s State of Work: At the Breaking Point”, pubblicata da ServiceNow, la maggior parte delle organizzazioni ha già introdotto sistemi avanzati di automazione, sempre più necessaria per far fronte ai crescenti volumi di lavoro.
L’introduzione di sistemi automatizzati nelle operazioni lavorative quotidiane permette una crescita del fatturato, crea nuove opportunità di lavoro e consente ai dipendenti di svolgere mansioni a maggiore valore aggiunto.
ServiceNow ha quindi incaricato Lawless Research di svolgere un’indagine sullo “stato del lavoro” in aziende con 500 o più dipendenti. La ricerca è stata condotta tra marzo e aprile 2017 in Australia, Francia, Germania, Messico, Singapore, UK e USA e ha coinvolto 1.874 responsabili executive tra C-level, VP, director e manager di aziende in sette Paesi (701 in Europa) per valutare i carichi di lavoro dei responsabili organizzativi, l’impatto e l’utilizzo dell’automazione nei servizi di business e le opinioni degli executive sul futuro del lavoro. La ricerca ha anche valutato la relazione tra i livelli di automazione sul piano organizzativo e le performance finanziarie.

Aziende a caccia di un’automazione intelligente

Le aziende europee si stanno avvicinando a un punto di rottura e hanno urgente bisogno di un’automazione intelligente.

  • Il 40% delle aziende afferma che nel 2018 avrà bisogno di un’automazione maggiore per gestire il volume dei task lavorativi. Questo punto di rottura sarà raggiunto dall’83% delle aziende nel 2020
  • Il 75% delle aziende afferma che i dispositivi mobili e IoT contribuiscono a questo sovraccarico
  • Il 91% concorda sul fatto che l’automazione intelligente può aumentare la produttività. Questo include l’intelligenza artificiale e il machine learning per snellire i processi decisionali e migliorare la velocità e accuratezza dei processi di business
  • Il 50% degli intervistati ha già iniziato a utilizzare l’automazione intelligente in uno o più processi di business. L’84% ha intenzione di servirsene prossimamente

“In un mondo di case, macchine e negozi intelligenti il posto di lavoro non è progredito molto – è il commento di Rodolfo Falcone, Country Manager ServiceNow Italy – Ma la svolta verso un’automazione maggiore è vicina e trasformerà il lavoro di tutti i giorni”.

Più automazione, più redditività e produttività

L’automazione favorisce la crescita finanziaria e una produttività maggiore.

  • Le aziende europee ad alta automatizzazione hanno una possibilità sette volte superiore di veder crescere il proprio fatturato del 15%, rispetto alle aziende meno automatizzate
  • Per esempio, le aziende che hanno una crescita di fatturato maggiore del 20% hanno un’automatizzazione media del 59%, mentre quelle che crescono meno o sono in negativo hanno un’automatizzazione media del 36%

“La ricompensa finanziaria dell’automazione non può essere ignorata dalle aziende”, sottolinea Falcone.

Risorse Umane e Customer Service i meno automatizzati

Nelle aziende europee, meno della metà dei processi di business sono automatizzati. Le Risorse Umane e il Customer Service risultano i meno automatizzati in azienda.

  • Complessivamente solo il 38% dei processi aziendali sono automatizzati e due giorni di lavoro pieni o 15 ore a settimana vengono spesi per svolgere manualmente i task amministrativi
  • Il supporto IT è il migliore per l’efficienza dei processi di business, mentre HR è il peggiore. Le Risorse Umane sono state giudicate come il dipartimento che “ha maggiormente bisogno di un reboot”
  • Solo il 33% dei servizi HR sono automatizzati e quelli che si occupano di risolvere le criticità per i clienti sono automatizzati al 48% rispetto ai servizi IT

Anche l’automazione può creare lavoro

I responsabili europei credono che l’automazione crei occupazione, nonostante la paura dei dipendenti di una perdita di posti di lavoro.

  • Il 72% degli executive crede che l’automazione crei posti di lavoro
  • L’88% degli executive riconosce che i dipendenti sono preoccupati che l’automazione possa eliminare posti di lavoro
  • I tre ostacoli maggiori all’adozione dell’automazione includono: mancanza di risorse, una resistenza dei dipendenti al cambiamento e la preoccupazione circa la perdita di lavoro.

“L’automazione porterà nuove opportunità economiche – sostiene Falcone – Le aziende hanno bisogno di sviluppare ed evolvere le loro competenze per poter prosperare in un mondo automatizzato”.

Più i processi sono automatizzati, più si libera la creatività

Grazie alle macchine i dipendenti possono occuparsi di quello che preferiscono, liberando la creatività

  • Il 38% degli intervistati ha affermato che i livelli di lavoro sono aumentati del 20% o più nell’ultimo anno
  • Il 91% dei responsabili afferma che i loro impiegati migliori perdono troppo tempo su task amministrativi
  • Il 93% crede che riducendo i compiti quotidiani aumenti la creatività dei dipendenti
  • L’82% ha difficoltà nell’assumere persone con le giuste competenze per far crescere il business
  • Il 92% afferma che l’automazione farà crescere la domanda per competenze come la collaborazione, la comunicazione e un approccio creativo alla risoluzione dei problemi

“I dipendenti si sentono come se lavorassero un sesto giorno ogni settimana – conclude Falcone – L’automazione consente ai dipendenti di svolgere quel lavoro creativo e innovativo che desiderano”.
“I luoghi di lavoro di domani vedranno più macchine che persone – è la visione di Tom Cheesewright, Futurologo – In ogni caso, mentre alcune macchine rimpiazzeranno direttamente le persone, molte altre invece le supporteranno. Le macchine miglioreranno la produttività ed è sempre più chiaro che i lavoratori grazie al supporto bionico mostreranno tre abilità che le macchine non possono sostituire: l’abilità di curare, creare e comunicare. Attraverso il prendersi cura, gli esseri umani possono riconoscere le mancanze nei mercati o nella conoscenza e capire come rispondere, mentre il creare è l’abilità di fare qualcosa di unico, originale e attraente. E nonostante le macchine ci aiutino ad analizzare miliardi di interazioni digitali ogni giorno, non sanno come raccontare una storia avvincente. Comunicare con emozione e passione è qualcosa che le macchine semplicemente non possono replicare”.

Come intraprendere il cammino dell’automazione?

  1. Identificare i processi di business che richiedono automazione nelle Risorse Umane, Customer Service, IT o altri reparti
  2. Mappare i servizi di business critici e automatizzare i carichi di lavoro con l’automazione intelligente
  3. Lavorare con dei team per indirizzare le preoccupazioni e rispettare la roadmap
  4. Utilizzare best practice sul change management
  5. Sviluppare ed evolvere le competenze per prosperare in un mondo automatizzato

Open Innovation
Il colosso internazionale dell’agrifood da un decennio sperimenta i benefici dell’innovazione open e condivisa e i suoi manager sono convinti di...
29 novembre 2016