Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Mobile App

IBM porta Watson e il cognitive computing al Salone del Mobile di Milano

Il cognitive computing di IBM Watson è di scena al Fuorisalone di Milano. Uno spazio espositivo e due conferenze in programma

IBM ha scelto di portare Watson e la sua capacità cognitiva a contatto con le persone in occasione del Salone del Mobile di Milano, in corso dal 4 al 9 aprile.

L’evento milanese è il primo di un ciclo di incontri – denominati IBM Watson Summit 2017 –  che la società ha deciso di dedicare alla diffusione della consapevolezza di cosa sia il cognitive computing e quali siano i benefici che ne derivano per i cittadini e i consumatori.
Dopo l’evento di aprile, Watson sarà di nuovo a Milano dal 16 al 23 maggio al Casello del Dazio all’Arco della Pace e ancora a novembre, in occasione del World Business Forum.

IBM Watson presente al Fuorisalone

Per quanto riguarda gli incontri di aprile, IBM ha scelto una presenza al Fuorisalone, nell’area Materials Village, nella quale viene allestita un’area dedicata, con una ViewBox per toccare con mano la realtà virtuale e le diverse declinazioni del suo utilizzo ad esempio per comprendere le preferenze dei consumatori attraverso i loro profili social.

Nel ViewBox di Watson, IBM ha scelto di portare sia soluzioni proprie, sia sviluppate dai propri partner.
Ecco allora una bicicletta, già utilizzata dalla nazionale americana di ciclismo, nella quale l’intelligenza aumentata sfrutta tutti i dati fisici dell’utente e quelli ambientati per ottimizzare il rendimento dello sportivo.
Ecco la realtà virtuale applicata al mondo del retail, con una soluzione sviluppata da InVRsion, che guida l’utente, che indossa un visore Oculus, alla ricerca dei prodotti più adatti tenendo conto delle sue esigenze e, ad esempio, delle sue intolleranze.
Con Relatech, invece, IBM ha sviluppato una soluzione che integra Watson e Bluemix per consentire alle imprese il monitoraggio – se pure in forma anonima – delle persone e dei loro comportamenti all’interno di aree mappate.
Le funzionalità di Watson sul linguaggio naturale sono poi oggetto di demo fruibili su iPad: si va dalla capacità di rispondere alle domande al riconoscimento delle immagini, fino all’interpretazione del sentiment in una conversazione in chatbot.

Due le conferenze in programma: il 5 aprile, dalle 9 alle 12.30 si svolgerà il Watson Cognitive Build Workshop, dedicato al Design Thinking applicato allo sviluppo di app; il 7 aprile, dalle 18.00 alle 19.30 la conferenza verterà sul “Valore dell’Intelligenza Artificiale nella vita del cittadino” e affronterà il tema dello sviluppo immobiliare e abitativo abilitato da Watson.

 

Open Innovation
Il colosso internazionale dell’agrifood da un decennio sperimenta i benefici dell’innovazione open e condivisa e i suoi manager sono convinti di...
29 novembre 2016