Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Mobile App

domoki: un termostato intelligente per far entrare l’IoT nella tua casa

Le componenti del sistema smart home comunicheranno tra loro via Wi-Fi o ZigBee e saranno facilmente gestibili via smartphone o tablet

Il look è simile a quello dei classici tre interruttori che normalmente vengono ospitati nelle scatole elettriche ma le prestazioni e servizi erogati sono ben altri. Si chiama domoki ed è un termostato smart che permette di gestire la domotica sfruttando tecnologie di ultima generazione, con lavori di installazione e messa in opera praticamente nulli. Un termostato tradizionale richiede un intenso lavoro di cablaggio: un “cavo bus” deve collegare ogni componente del sistema alla centralina e richiede impegnative opere murarie per stendere le canaline all’interno delle quali far scorrere i cavi elettrici. Nel caso di domoki, invece, i cavi non servono perché le componenti del sistema comunicano tra di loro attraverso la rete Wi-Fi o tramite protocollo ZigBee, pensato proprio per le applicazioni legate alla domotica. In ogni stanza sarà possibile installare con facilità un domoki, sostituendo gli interruttori presenti e le placche preesistenti, alle quali il nuovo termostato si adatta perfettamente. Nessun cambiamento drastico è richiesto: una volta installato domoki e collegati i cavi presenti nella scatola elettrica, tutto funzionerà come prima ma saranno disponibili tante nuove funzionalità.

Le luci della casa, le tapparelle, la climatizzazione e il riscaldamento potranno essere facilmente controllati grazie alle funzionalità di geolocalizzazione degli smartphone (a cuore android e iOS). Così, ad esempio, il riscaldamento si attiverà quando verrà rilevato l’avvicinamento di uno dei componenti dell’abitazione e tenendo conto dei tempi di percorrenza, le luci si spegneranno quando nella stanza non è presente nessuno e verrà generato un messaggio di avviso qualora vengano rilevate improvvise anomalie energetiche.

L’utilizzo di domoki permette di contenere i consumi energetici delle smart home – con un risparmio stimato che oscilla tra il 20 e il 30%, a seconda dei casi -, mentre i costi di installazione e acquisto del dispositivo potranno essere dedotti del 65% grazie al fatto che le caratteristiche e l’operatività del termostato intelligente rientrano tra quelle dei prodotti che possono beneficiare della normativa Ecobonus.

 

1 marzo 2017

 

IoT: nella Smart Home un modello “Uber” anche per la lavatrice

Amazon: Milano, Roma e Trieste: ecco le province dove l’Internet of Things è di casa

Open Innovation
Il colosso internazionale dell’agrifood da un decennio sperimenta i benefici dell’innovazione open e condivisa e i suoi manager sono convinti di...
29 novembre 2016