Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.IoT Library

La domotica dà una mano ai disabili

"Casa Satellite" è il progetto per promuovere l'autonomia di persone affette da sindrome di Down. Si basa su nuovi edifici tecnologici che permettono di tenere sotto controllo l'apertura/chiusura delle porte, il funzionamento degli elettrodomestici e delle luci, la chiusura del gas

Si chiama “Casa Satellite” il progetto avviato nel 2005 che si propone di promuovere l’autonomia di persone affette da sindrome di Down.

A tal fine sono stati realizzate particolari unità abitative che sfruttano la tecnologia per permettere all’utente con disabilità lieve di raggiungere gradualmente l’autonomia personale e sociale, migliorandone la qualità di vita.

Un primo edificio è stato realizzato a Rovereto (TN) tra il 2005 e il 2007, e un secondo edificio è stato inaugurato a ottobre 2010 a Pavia. La sperimentazione ha visto il coinvolgimento di gruppi di quattro ragazzi alla volta per quattro giorni consecutivi, durante i quali hanno svolto i diversi compiti quotidiani in autonomia, mentre per la notte si alternavano i familiari dei quattro ragazzi presenti nella giornata.

L’autonomia degli utenti disabili è ottenuta “educando” l’ospite sulla base delle azioni che compie (o dimentica di compiere), garantendo nel contempo la sua sicurezza: il personale autorizzato (ad esempio i famigliari) può infatti accedere agli impianti da remoto per finalità di supervisione e controllo.

Il sistema consente la rilevazione di eventi quali l’apertura/chiusura di una porta, il funzionamento di elettrodomestici o una luce dimenticata accesa e l’implementazione automatica di azioni correttive (ad esempio la chiusura del gas) a cui sono associati interventi informativi.

 

Internet of things domotica

In tal senso il sistema è stato studiato in modo da segnalare all’utente, tramite icone e immagini sul televisore, eventuali mancanze o dimenticanze (ad esempio il ferro da stiro acceso o la porta di casa aperta).

Al fine di rendere meno traumatico il relazionarsi con il centro di controllo, la grafica è studiata appositamente e prevede l’utilizzo di figure associate ai messaggi e alle operazioni eventualmente da effettuare. Il sistema offre inoltre supporto nello svolgimento delle attività quotidiane, come ad esempio fare la spesa o preparare il pranzo.

Il progetto è stato sviluppato dall’ANSAFF (Associazione famiglie di disabili intellettivi e relazionali) in collaborazione con il CUnEDI (Centro Universitario Edifici Intelligenti) dell’Università degli Studi di Trento e l’Università degli Studi di Padova, con il supporto della Provincia Autonoma di Trento.

Open Innovation
Il colosso internazionale dell’agrifood da un decennio sperimenta i benefici dell’innovazione open e condivisa e i suoi manager sono convinti di...
29 novembre 2016