Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.IoT Library

Europ Assistance: l'assistenza stradale si fa con chatbot e assistenti virtuali

L’utente potrà richiedere il carro attrezzi attraverso una chatbot su Messenger, una web app oppure parlando con un assistente virtuale interattivo

La macchina in panne, un incidente, le gomme a terra… serve un carro attrezzi e per l’automobilista iniziano a montare ansia e stress. Ne sanno qualcosa gli operatori della centrale operativa di Europ Assistance, la società di servizi del Gruppo Generali, che ogni anno gestiscono solo in Italia circa mezzo milione di richieste di soccorso stradale. Impensabile fino solo a qualche mese fa che un bot rispondesse alle richieste di intervento, ma oggi la situazione è decisamente cambiata

«Abbiamo iniziato a guardare con interesse alle nuove soluzioni tecnologiche di assistenza personale all’inizio del 2016 e lo scorso dicembre siamo partiti, andando a digitalizzare quello che per noi è uno dei processi core, ovvero l’assistenza stradale – esordisce Fabio Carsenzuola, Chief Operating Officer di Europ Asssistance Italia . Il nostro cliente non ci contatta molto spesso, in media ogni 3 o 4 anni, ma quando ha bisogno di noi necessita di risposte immediate, non può e non vuole aspettare».

Fabio Carsenzuola, Chief Operating Officer di Europ Assistance Italia

Quattro mesi fa la società ha rilasciato una web app disponibile online (senza, quindi, dover scaricare nulla sul telefonino) per la richiesta immediata del soccorso stradale, che geolocalizza il veicolo in panne con pochissimi “tap” sullo schermo dello smartphone. Da un paio di settimane, poi, sono disponibili anche un chatbot su Messenger, che assicura un’interazione veloce, multilingua e geolocalizzata, e un assistente virtuale telefonico. Basato su tecnologia NLP per il riconoscimento e l’elaborazione del linguaggio naturale (parlato), il personal digital assistant ha la voce suadente (sintetizzata) di Sara, un’operatrice reale del contact center EA che ha vinto un casting interno. Il sistema è in grado di comprendere anche accenti e cadenze molto marcate e utilizza l’intelligenza artificiale per comprendere immediatamente il problema anche se il cliente è particolarmente affannato, se si esprime male o se non ha il dono della sintesi. Include meccanismi di auto-apprendimento che gli permettono di riconoscere nel tempo l’interlocutore e ridurre progressivamente, chiamata dopo chiamata, i tempi di risposta alle sue necessità contingenti.

In caso di problemi particolari – per esempio se il cliente dice di trovarsi ai margini di un’autostrada o di una strada di montagna o, ancora, se il suo tono di voce è particolarmente ansioso – l’assistente digitale reindirizza immediatamente la chiamata a un operatore, per garantire un supporto più “empatico”.

In tutte e tre le soluzioni è attiva la geolocalizzazione del mezzo (attraverso la connessione GPS dello smartphone) ed è possibile tracciare in tempo reale il percorso del mezzo di soccorso su una mappa online, cosa questa che, assicurano i vertici di EA, permette di tranquillizzare da subito il cliente in attesa del carro attrezzi.

«I nuovi canali non si sostituiscono all’operatore della centrale, che continua a essere fondamentale, ma vanno ad aggiungersi e integrarsi – conclude Carsenzuola –. Se un cliente chiama e non ci sono operatori disponibili gli viene chiesto se preferisce aspettare oppure esporre il proprio problema senza perdere tempo a un assistente virtuale e nel 90% dei casi sceglie di farlo senza esitazioni. I risultati di queste prime settimane sono davvero brillanti e nei prossimi mesi l’obiettivo è di estendere queste tecnologie anche alla gestione delle richieste di servizi relative agli altri componenti della nostra offerta, ovvero salute, casa e viaggi».

 

21 Aprile 2017

 

IoT e tanta Artificial Intelligence fanno correre le connected car del futuro al CES 2017

Cisco Tetration Analytics: auto-apprendimento e intelligenza artificiale per datacenter più sicuri e facili da gestire

Industry 4.0
Le regole, le specifiche e le linee guida per il mondo dell'IoT industriale e del Machine2Machine in particolare
16 maggio 2016