Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore Responsabile: Mauro Bellini

CERCA
MENU
Direttore responsabile: Mauro Bellini

.Automotive

Il cloud di Oracle a supporto dei Big Data del progetto Bloodhound

Le tecnologie cloud di Oracle a supporto del progetto Bloodhound, per sostenere la crescita delle competenze STEM in tutto il mondo. Il focus è su Big Data e Analytics, anche per la componente IoT

La parte spettacolare della storia è la realizzazione di un’auto supersonica in grado di viaggiare a oltre 1.000 miglia all’ora (sono 1.600 chilometri), alimentata da un motore a reazione e da un razzo.
La parte meno appariscente, ma sicuramente molto concreta, è che quest’auto, o meglio il progetto che ne governa lo sviluppo, il Bloodhound Project, è, prima ancora che un progetto ingegneristico d’avanguardia nell’ambito automotive, un progetto educativo che ha l’obiettivo di stimolare le nuove generazioni in tutto il mondo a dedicarsi agli studi STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Matematica).

Il progetto, che ha ormai nove anni di vita, conta un numero davvero importante di sponsor, tra i quali figurano aziende del mondo automotive così come centri di ricerca e Università, aziende del mondo dei materiali compositi, realtà del mondo dell’orologeria.

Oracle focus su cloud, big data e analytics, anche della componente IoT

Perché questo progetto riesca a raggiungere la massima pervasività, la componente tecnologica e infrastrutturale è indispensabile. Così, accanto a realtà come 3D Systems, sponsor per tutto quanto ha a che vedere con la stampa 3D, o a Cisco, che segue la parte networking, al progetto si è ora unita Oracle, come cloud partner.
Oracle rende dunque disponibili le proprie tecnologie cloud non solo per raccogliere e analizzare i dati dagli oltre 500 sensori installati sull’auto supersonica, ma, soprattutto, per poi condividerli e renderli disponibili alle scuole di tutto il mondo, così da dare importante materiale di studio per insegnanti e studenti.

È dunque un importante supporto a un progetto multidisciplinare, nel quale entrano in gioco competenze diverse, oltre a quelle specifiche ingegneristiche e meccaniche, anche quelle sull’IoT, sui Big Data, sugli analytics, sulle scienze dei materiali.

Il supporto di Oracle e del suo cloud in questo progetto non guarda solo al mondo dell’istruzione, ma anche direttamente al team di sviluppo: in particolare, le sue soluzioni di analisi dei dati sono in grado di presentare una visione in tempo reale delle performance delle diverse componenti e delle differenti tecnologie presenti a bordo vettura, così da migliorare tutto il processo di preparazione del veicolo.

Open Innovation
Il colosso internazionale dell’agrifood da un decennio sperimenta i benefici dell’innovazione open e condivisa e i suoi manager sono convinti di...
29 novembre 2016